fbpx

Il nuovo bando di “Viaggio #inLombardia” a favore dei piccoli Comuni della regione. Ecco quali progetti sono ammessi ai finanziamenti

Riparte il “Viaggio #InLombardia”, con un nuovo bando da un milione di euro destinato a progetti che promuovano il turismo nei piccoli Comuni lombardi. Dopo i buoni risultati della prima edizione, con 18 progetti finanziati per un valore complessivo di 880.000 euro, la Regione Lombardia rinnova e rilancia l’iniziativa in favore dei borghi sparsi sul territorio regionale.

Su proposta dell’assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni, la misura prevede una dotazione finanziaria di 1 milione di euro destinata alla presentazione di progetti da parte di partenariati di enti locali con soggetti pubblici: l’obiettivo, spiegano dalla Regione, è promuovere e sostenere i borghi lombardi e i piccoli territori, attraverso la comunicazione e valorizzazione di prodotti turistici in grado di far aumentare i visitatori.

“Il bando Viaggio #inLombardia permetterà alle amministrazioni di potenziare le loro attività di marketing territoriale in chiave turistica” ha spiegato l’assessore regionale Lara Magoni “In particolare, la Lombardia è ricca di piccoli borghi, perle paesaggistiche, naturali ed artistiche che spesso sono fuori dai classici circuiti turistici e invece meritano di essere valorizzate. Regione Lombardia, grazie alla collaborazione con le amministrazioni locali, dà proprio questa importante opportunità: far conoscere, attraverso campagne integrate di comunicazione e promozione, territori che possono sviluppare il turismo in una logica esperienziale. Dai laghi alle montagne, dalle colline ai laghi, la Lombardia è ricca di località che hanno tutti i mezzi per diventare mete turistiche di primo piano”.
Per essere ammessi a questo bando a favore di un turismo slow sempre più importante per l’Italia, i progetti devono prevedere le seguenti attività: progetto di comunicazione (pianificazione media, press/blog tour, attività di ufficio stampa); un’azione b2b (tra le attività ammesse, educational sul territorio, partecipazione a fiere o workshop); declinazione di almeno un itinerario tematico esperienziale. Dal bando sono esclusi i capoluoghi di provincia.