fbpx

All’inizio di Expo la Regione aveva annunciato di voler puntare sul miglioramento dell’accessibilità delle risorse turistiche lucane. Oggi esce la prima guida scritta e pensata appositamente per i disabili visivi, realizzata da APT Basilicata e Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti


basilicata guida ciechi ipovedentiEra stato annunciato agli albori di Expo, che l’esposizione universale milanese avrebbe segnato l’inizio di un nuovo percorso per l’offerta turistica della Basilicata, che avrebbe incluso un impegno preciso anche nel campo dell’accessibilità. Oggi, a pochi giorni dalla chiusura di “Nutrire il Pianeta”, arriva una sorta di conferma a quell’impegno: è uscita infatti la prima guida della Basilicata per i disabili visivi.
“Un turismo accessibile per non vedenti ed ipovedenti che punti al superamento delle barriere percettive a partire dallo strumento principale e più tradizionale per scoprire una destinazione: la guida”. Così presentano dalla Regione “Basilicata. Una terra da scoprire”, il nuovo prodotto editoriale frutto di un accordo di cooperazione tra Agenzia di Promozione Territoriale della Basilicata e Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UICI) – sezione lucana. Il volume sarà presentato ufficialmente alla mostra “Facciamoci vedere” allestita in occasione del XXIII congresso nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli ipovedenti in programma a Chianciano Terme (Siena) il 6 e 7 novembre .
I contenuti di promozione e comunicazione turistica sono resi fruibili attraverso linguaggio braille, caratteri grandi e audioguide, valido supporto tattile e uditivo in situazioni di cecità e ipovisione che pregiudicano mobilità e capacità di orientamento spaziale, con conseguenti problemi nella fruizione delle risorse territoriali regionali. La prima sezione della guida comprende estratti di pubblicazioni a cura dell’Apt; la seconda racchiude “Esperienze di viaggio raccontate da chi non vede o vede poco” di proprietà dell’Uici.

 

LEGGI ANCHE: Francis Ford Coppola racconta la sua Basilicata, tra storia e futuro

La Basilicata a Expo mette in mostra il suo successo

“Piemonte For All”, il concorso fotografico sul “turismo per tutti” e l’accessibilità

Marche, il turismo del futuro è sostenibile, accessibile, slow e condiviso