fbpx

La Regione pubblica un avviso per le agevolazioni a grandi, medie e piccole imprese del settore turistico alberghiero: nuove attività, recupero di strutture, ampliamenti e ammodernamenti, e anche il restauro di masserie e trulli


Ancora un'azione di sostegno alle imprese del turismo da parte di Regione Puglia, che conferma così la sua ormai consolidata vocazione turistica e ricettiva. È stato pubblicato nel Bollettino Ufficiale l'atto del dirigente il Servizio Competitività dei Servizi Produttivi n. 796, attinente l'approvazione dell'Avviso per l'erogazione di "Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di agevolazione ‐ PIA Turismo". Il cosiddetto "Avviso per la presentazione di progetti promossi da Grandi, Medie e Piccole Imprese ai sensi dell'articolo 50 del Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione n. 17 del 30 settembre 2014".

Come spiega il comunicato ufficiale della Regione, possono presentare domanda alla misura per le agevolazioni le imprese di grandi dimensioni, le imprese di medie dimensioni e le imprese di piccole dimensioni a partire dal 3 giugno 2015.

Le aziende possono mettere in pratica nuove attività turistico-alberghiere, attraverso il recupero di strutture non ultimate e comunque destinate ad attività turistico-alberghiere; l'ampliamento, ammodernamento e ristrutturazione delle strutture turistico-alberghiere esistenti; la realizzazione di strutture turistico-alberghiere aventi capacità ricettiva non inferiore a 7 camere; il consolidamento, restauro e risanamento conservativo di edifici rurali, masserie, trulli, torri, fortificazione al fine di trasformare l'immobile in strutture turistico-alberghiere.

Le domande devono essere inoltrate attraverso la procedura on line "PIA Turismo" messa a disposizione all'indirizzo www.sistema.puglia.it.
Per maggiori informazioni:

http://www.regione.puglia.it/index.php?page=curp&id=9471&opz=display

 

LEGGI ANCHE: Puglia, 15 milioni dalla Regione per ammodernare le imprese del turismo

Puglia, i finanziamenti che servono alle imprese per sostenere il turismo