fbpx

Il Convento al primo posto nei "Luoghi del Cuore" del Fondo Ambiente Italiano, grazie a cui ha incassato 50.000 euro, cerca gli altri 450.000 con una raccolta fondi web per salvare il paradiso seicentesco e il territorio circostante colpito dalle alluvioni


Un crowdfunding per il Convento di Monterosso, il Convento dei Frati Cappuccini di Monterosso classificato al 1° posto in Italia all'ultimo censimento "I luoghi del cuore" del Fondo Ambiente Italiano. Il Convento di Monterosso (Comune in provincia di La Spezia) lancia una campagna di raccolta fondi, tramite la piattaforma web "BuonaCausa.org", per salvare definitivamente l'antico edificio seicentesco e tutta l'area circostante, colpiti dalle alluvioni degli ultimi anni. La nuova iniziativa è stata lanciata dal rettore e custode del convento, padre Renato, e dai frati Cappuccini francescani liguri, in collaborazione con la Regione Liguria, che presenterà nei prossimi giorni il progetto di restauro paesaggistico ambientale e del recupero degli edifici rurali in località Case Lovara a Punta Mesco.
I frati, spiega una nota di Regione Liguria, hanno deciso di giocarsi la carta del web per salvare il Monastero e con esso le terrazze circostanti coltivate a limoni e a viti. Le sponsorizzazioni richieste puntano in particolare ai 500.000 euro necessari per i lavori di consolidamento di mura, orti e terreni del paradiso di Monterosso. La vincita decretata dal Fondo Ambientale come luogo del cuore italiano di quest'anno è servita a recuperare 50.000 euro. Una cifra importante che servirà a pagare lavori già eseguiti per ripristinare le mura e i terreni abbattuti dall'alluvione del 2013, ma non sufficiente per intervenire e frenare il lento sgretolamento e ulteriori crolli. Da qui l'esigenza di promuovere una raccolta fondi per recuperare altri 450.000 euro e mettere definitivamente in sicurezza tutta la struttura che domina da secoli sulla collina, l'abitato di Monterosso, la prima delle Cinque Terre arrivando da Genova.
Padre Renato, che si definisce il custode del convento e anche l'ultimo dei frati Cappuccini rimasti a guardia dell'antico edificio cita San Francesco d'Assisi: "Vogliamo volare in alto". Per questo si è affidato ai droni per realizzare un video sul luogo del cuore per eccellenza ed emozionare chi lo guarda, sollecitando così eventuali donazioni. Il filmato dal titolo "In volo sul cuore" è stato realizzato da un'azienda del polo tecnologico pisano di Navacchio Cascina che lo ha realizzato gratuitamente.
"A breve metteremo on line anche una piattaforma per l'estero, perché ci sono molte persone in tutto il mondo che ci conoscono e ci amano e spero, ci vogliano anche aiutare a riparare il paradiso di Monterosso" ha commentato Padre Renato. I link attraverso cui effettuare le donazioni sono http://buonacausa.org/cause/conventomonterosso e www.conventomonterosso.it/come-aiutarci

 

Questo il video "In volo sul cuore"

{youtube}Yyb6fSz00dU{/youtube}

 

LEGGI ANCHE: La chiesa di Mantova salvata dal crowdfunding oltre ogni aspettativa

La Nike di Samotracia e la Madunina, due restauri e due storie differenti

Cinque Terre, accordo Porto-Parco per croceristi e turismo sostenibile

Dal Medioevo a Bergoglio, i castelli liguri nel segno dei papi