fbpx

"Uno strumento fondamentale per dare impulso importante al turismo costiero" commenta l'assessore abruzzese al Demanio Marittimo, il cui nuovo piano, condiviso con amministrazioni e associazioni, si concentra su sostenibilità e bioarchitettura


Via libera dal Consiglio Regionale abruzzese al nuovo Piano Demaniale Marittimo, condiviso con istituzioni e rappresentanze locali per incrementare il turismo costiero attraverso l'ecosostenibilità. Dopo l'approvazione in Giunta, avvenuta lo scorso dicembre e in III Commissione consiliare l'11 febbraio, mercoledì a Pescara il Consiglio Regionale ha dato il via libera al nuovo Piano Demaniale Marittimo Abruzzese.
Dino Pepe, assessore regionale al Demanio Marittimo, in una nota ha sottolineato con soddisfazione la cooperazione tra le parti che ha portato al risultato, spiegando che "il testo approvato dal Consiglio è frutto di un intenso confronto con tutti i portatori d'interesse. Il Piano, infatti, è stato ampiamente condiviso con Amministrazioni Comunali, Associazioni di categoria e Associazioni ambientaliste e sarà un forte stimolo per l'economia del mare".
Secondo l'assessore abruzzese, "la Regione da oggi dispone di uno strumento fondamentale per dare un impulso importante al comparto turistico costiero, con conseguenze positive in termini di riqualificazione delle strutture, occupazione e crescita economica. Abbiamo allineato le norme di pianificazione del territorio con le direttive comunitarie mirate al miglioramento della qualità della vita".
Il Piano Demaniale mette al centro i principi della sostenibilità ambientale, dalla salvaguardia delle zone costiere di pregio naturalistico, all'utilizzo esclusivo di materiali a basso impatto ambientale e ai sistemi costruttivi in bioarchitettura. Inoltre, il nuovo piano tutelerà le fasce deboli, coinvolgerà anche le associazioni ambientaliste a cui verranno affidate le aree oggetto di insediamento di fauna e flora protetta. Nella normativa sono presenti anche novità per favorire lo snellimento delle procedure per l'organizzazione dei servizi a carattere stagionale.

 

LEGGI ANCHE: Abruzzo, la valorizzazione dei territori passa dall'acqua

Abruzzo, per il turismo servono scelte precise e capacità di incuriosire

Abruzzo, un distretto turistico montano per il Gran Sasso