fbpx

La Sardegna sceglie come ambasciatori della propria immagine le antichissime statue dei Giganti di Mont'e Prama in un'operazione che coinvolge l'archeologia, il turismo, la comunicazione e, grazie alla squadra della Dinamo Basket, anche lo sport


Sono tra le statue più antiche rinvenute nel bacino mediterraneo, e si trovano in una delle Regioni italiane più note ai turisti e ai viaggiatori di tutto il mondo. Il potenziale è quindi straordinario, come straordinaria è la possibilità di unire turismo e cultura in una "Gigantesca" campagna promozionale che unisce anche lo sport.
La Sardegna ha deciso di affidare il ruolo di testimonial d'eccezione per promuovere il proprio territorio ai Giganti di Mont'e Prama, sculture nuragiche scolpite a tutto tondo trovate casualmente in un campo nel 1974 in località Mont'e Prama, a Cabras (provincia di Oristano), nella Sardegna centro-occidentale. Le statue in arenaria gessosa locale hanno un'altezza tra i 2 e i 2,5 metri (per questo sono chiamate Giganti) e risalenti a un'epoca compresa tra l'VIII e il X secolo a.C.
Inizia così un'intensa attività di comunicazione per i Giganti ambasciatori della qualità della vita sarda, parte dell'intero piano promozionale della Regione, dedicata ai tesori archeologici del Sinis e presentata dagli assessori del Turismo, Artigianato e Commercio e della Cultura, Francesco Morandi e Claudia Firino, dal sindaco di Cabras, Cristiano Carrus, dalla direttrice del Museo archeologico di Cagliari, Donatella Mureddu, e dai giocatori, allenatore e dirigenti della Dinamo Basket, formazione di Serie A della pallacanestro italiana.
Prenderanno quindi avvio diverse azioni coordinate, spiega il comunicato diffuso dopo la conferenza stampa: una campagna sui principali quotidiani e sui magazine nazionali, e a breve termine su riviste internazionali, un'operazione di immagine in grado di associarli e identificarli con i "giganti" dello sport dell'isola, appunto i giocatori della Dinamo basket; un'attività di accoglienza attraverso installazioni che li raffigurano nei tre principali aeroporti sardi e, infine, soluzioni di valorizzazione hi-tech grazie a Sardegna Ricerche e Crs4. Un'iniziativa tra cultura, turismo e sport che avrà il suo culmine nell'Esposizione universale a Milano.
Il progetto è stato ideato dall'assessorato del Turismo e punta a ottenere ricadute positive per l'intero sistema regionale, con particolare interesse per l'assessorato della Cultura, per la Soprintendenza per i Beni archeologici e culturali e per il Comune di Cabras che ospita le statue dei guerrieri. Rappresenta nelle intenzioni dei promotori un'operazione di marketing innovativa grazie alla partnership con un canale sportivo ad alto potenziale di penetrazione sul mercato come è la Dinamo Basket.
A partire dalla prima gara della "final eight" di Coppa Italia (domani venerdì 20 febbraio a Desio), la squadra biancoblù sassarese indosserà una nuova maglia con l'immagine dei Giganti di Mont'e Prama: d'ora in poi sarà questa la divisa ufficiale dei giocatori della Dinamo, "i quali interpretano l'orgoglio della Sardegna che trova nelle mega sculture nuragiche di guerrieri, arcieri e pugilatori la propria identità" ha commentato l'assessore Francesco Morandi. L'immagine dei Giganti sarà ripresa anche nei banner del Palazzetto di Sassari e di quelli dove andrà in scena il quintetto cestistico sardo, insieme agli altri messaggi che promuoveranno la Sardegna nei suoi prodotti territoriali, così come per l'Expo.
"Veicolare un simbolo che ci identifica in maniera molto forte all'esterno, come i Giganti di Mont'e Prama, sarà anche un apripista per valorizzare tutto il nostro straordinario patrimonio archeologico. La campagna promozionale che prende avvio oggi è frutto di una collaborazione vincente con il territorio" ha affermato l'assessore alla Cultura Claudia Firino.
L'assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio ha predisposto un piano di comunicazione per il 2015 con l'obiettivo di supportare il posizionamento del prodotto Sardegna sui mercati nazionali e internazionali. Le azioni sono inserite nel piano strategico che propone la nuova vision incentrata su "L'isola della qualità della vita", che vedrà nell'Expo uno straordinario veicolo di comunicazione su tutto il mercato globale. Il tema "qualità della vita" è declinato in quattro dimensioni: l'eccellenza delle produzioni agroalimentari e ambientali, l'innovazione sostenibile e la longevità. La ricerca di un nuovo posizionamento strategico accompagnerà le azioni di promozione e di commercializzazione del prodotto Sardegna, che saranno veicolate su canali di comunicazione classici e su nuovi canali individuati per favorire la diffusione del prodotto.
Un'altra importante attività degli "ambasciatori della Sardegna nel mondo" sarà poi l'accoglienza dei turisti in arrivo in Sardegna nei tre principali scali aerei sardi. Nei prossimi mesi, tre installazioni raffiguranti i Giganti saranno collocate negli aeroporti di Alghero, Cagliari e Olbia. I punti di informazione della rete regionale, attivati a gennaio, si occuperanno della diffusione delle conoscenze sulla storia delle sculture. Infine, l'attività di ricerca e sviluppo, innovazione e strumenti hi-tech: i Giganti di Mont'e Prama saranno valorizzati nell'ambito delle nuove soluzioni di comunicazione in corso di sviluppo. Nuovi strumenti di comunicazione che l'assessorato, nell'ambito di protocolli di intesa con gli enti di ricerca della Regione, utilizzerà in occasione dell'Expo.

 

LEGGI ANCHE: Sardegna tra soddisfazione 2014 e riforme 2015

Sardegna, il futuro del turismo tra aree interne e meno burocrazia

Fondi europei, la Sardegna raddoppia a 40 milioni