fbpx

Tra riforme ministeriali che consentiranno maggiori risorse, nuovi progetti e finanziamenti alle produzioni audiovisive, il Molise scommette sul proprio territorio per uscire dalla crisi


"L'incontro presso il Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo, per portare le istanze della nostra Regione sulla promozione del territorio e la salvaguardia delle bellezze archeologiche, spero produca tutti gli effetti positivi che il Molise può e deve ricevere" così Massimiliano Scarabeo, assessore al marketing territoriale del Molise, ha commentato l'incontro con i vertici del MiBACT. "L'attuazione del Decreto Cultura, messo in campo dal Ministro Franceschini, è un'opportunità importante e un validissimo supporto alle attività che possono essere messe in campo per favorire il turismo e l'economia regionale attraverso la valorizzazione delle ricchezze del Molise" ha aggiunto Scarabeo, che ha spiegato come "il percorso storico che inizia dal sito del Paleolitico di Isernia, passando per quello medievale delle Abbazie, rende la nostra regione una terra ricca di potenzialità artistiche e culturali".
"La scarsità di risorse finanziarie disponibili" ha poi riconosciuto l'assessore molisano "non consente il necessario slancio nell'organizzazione di una rete per la gestione dei vari siti di rilievo archeologico presenti sul nostro territorio e questo potrebbe vanificare gli sforzi che sono stati già avviati tra Regione Università e Soprintendenza del Molise per nuove operazioni di scavo e di conservazione del nostro patrimonio archeologico. Si rende perciò necessario l'interessamento diretto del Ministero alle Attività Culturali e al Turismo al quale la Regione si è rivolta".
"I risvolti, in tal caso sarebbero sicuramente positivi, soprattutto per la promozione del territorio attraverso l'impulso turistico con le conseguenti ricadute economiche ed occupazionali a rappresentare il volano di sviluppo per una regione che sta pagando un prezzo alto a causa della crisi in atto" ha concluso Scarabeo.
Il Molise è in effetti una regione che sta suscitando crescente interesse nel panorama turistico. A questa Regione è infatti dedicato un lungo reportage nel numero di settembre di Dove, il magazine del Corriere della Sera. A livello istituzionale, peraltro, la Giunta di Paolo di Laura Frattura ha stanziato un finanziamento di 600.000 euro per Ciak Molise, un progetto di marketing territoriale attraverso le produzioni cinematografiche da attirare sul territorio molisano.
"Superiamo e archiviamo le criticità maggiori e lo facciamo, con una rinnovata governance efficiente e attenta, seguendo una scrupolosa politica di contenimento dei costi, fondamentalmente anche e soprattutto per il rilancio della nostra montagna attraverso una riorganizzazione di tutti gli ingranaggi turistici che ruotano attorno al settore" è la dichiarazione d'intenti del governatore Frattura, espressa ieri dopo aver corrisposto le mensilità arretrate spettanti ai 34 lavoratori di Funivie Molise spa in relazione alla chiusura dell'ultima stagione sciistica.

 

LEGGI ANCHE: Abruzzo, la valorizzazione dei territori passa dall'acqua

Puglia, il turismo continua a crescere: oltre 1 milione di arrivi nel primo semestre

Marche: una destinazione cinematografica

 

Nella foto, il Museo Archeologico di Saepinum Altilia (Campobasso)