fbpx

Le due Regioni erogano finanziamenti nel settore turistico territoriale: l'Abruzzo per tutelare la costa, la Liguria per sostenere le PMI

La riforma del Titolo V è da settimane al vaglio del governo, e presto potrebbero esserci novità (o ritorni all'antico) nella competenza in materia di turismo, che potrebbe tornare allo Stato centrale. Ma in attesa della riforma, e in generale come investimento sul futuro, le Regioni italiane continuano a dar segnali di interesse verso le potenzialità economiche dell'industria dell'ospitalità, approvando misure volte a sostenere l'economia e il territorio di propria competenza. È il caso di Liguria e Abruzzo, che proprio questi giorni hanno approvato rispettivamente un bando e una delibera, con relativi finanziamenti.
In Liguria, dove nel 2013 il turismo ha avuto un impatto economico da 5 miliardi di euro, la Regione ha approvato ieri, su proposta dell'assessore al Turismo Angelo Berlangieri, un bando che destina 200.000 euro all'internazionalizzazione dell'impresa turistica, con incentivi alle piccole e medie imprese. Il bando, spiegano da Genova, ha lo scopo di incentivare le attività di promozione e di promo-commercializzazione dell'offerta turistica ligure sui mercati esteri realizzate da aggregazioni d'imprese turistiche liguri. I soggetti che possono presentare domanda di agevolazione sono le aggregazioni di micro, piccole e medie imprese, costituite per almeno i due terzi da imprese turistico, raggruppamenti temporanei di consorzi o società consortili, anche in forma cooperativa, già costituiti, o ancora da costituire, al momento di presentazione della domanda.
Buone notizie anche dall'Abruzzo, dove la Giunta regionale ha approvato definitivamente la delibera di riprogrammazione delle risorse ex Pain turismo (programmi attuativi interregionali) destinate anche ad interventi urgenti per i fenomeni erosivi costieri. Il provvedimento abruzzese destina 1.300.000 euro alla riduzione dei rischi derivanti da fenomeni erosivi, facendo seguito alla delibera di prima riprogrammazione con la quale vennero destinati gli importi evidenziati. Come già detto in sede di prima approvazione, rende noto l'assessore Mauro Di Dalmazio, le risorse destinate dall'assessorato al turismo riguarderanno interventi nelle zone costiere di Alba Adriatica, Martinsicuro, Tortoreto, Casalbordino, Ortona, Fossacesia e Pescara. "Si tratta di fondi ex Pain che abbiamo voluto destinare ad azioni di tutela del territorio" commenta Di Dalmazio "più esattamente sono risorse regionali residue 2007-2013, riprogrammate per far fronte a situazioni di forte criticità esistenti sulla nostra costa. Abbiamo dovuto effettuare altri passaggi burocratici per lo svincolo formale e la riprogrammazione definitiva delle somme per un intervento che, in sinergia con gli altri già avviati, porta a compimento un percorso iniziato da tempo che punta a ridare competitività al nostro litorale e a valorizzare il turismo balneare. Ora si potrà procedere con la fase esecutiva in collaborazione con i comuni interessati".
Abruzzo e Liguria investono quindi sul futuro dei propri territori, nonché su quello delle proprie economie.

 

LEGGI ANCHE: Liguria, 5 miliardi dal turismo nel 2013

L'Abruzzo semplifica il turismo con un rivoluzionario sistema telematico

 

Fonte foto: territorisociologici.info