fbpx

Italia e Francia coinvolte nella nuova strategia territoriale della macroregione europea. Al Piemonte la gestione dei trasporti, alla Valle d'Aosta la formazione

Sarà la Regione Liguria l'ente amministrativo che coordinerà il gruppo di lavoro su cultura e turismo dell'Euroregione Alpi-Mediterraneo. A renderlo noto l'assessore ligure Angelo Berlangieri al termine del vertice internazionale tra i presidenti delle Regioni Liguria, Provence-Alpes-Côte D'Azur, Piemonte, Rhône-Alpes e Valle d'Aosta svoltosi a Torino. Riconoscendo l'importanza della cooperazione tra i loro territori e i loro attori, e coscienti della forte identità comune e del loro dinamismo economico, italiani e francesi hanno quindi deciso di rilanciare insieme l'Euroregione Alpi-Mediterraneo.
"In un contesto che vede, da una parte, l'avvio della nuova programmazione dei fondi europei – e in particolare il programma di cooperazione transfrontaliera Alcotra – e, dall'altra, la costruzione della strategia macroregionale per la regione alpina", spiega la nota ufficiale, i presidenti e i rappresentanti delle cinque Regioni considerano l'esperienza dell'Euroregione Alpi-Mediterraneo "come un'opportunità unica per rafforzare il ruolo alpino ed europeo di questo spazio di cooperazione al servizio di 17 milioni di abitanti".

I cinque gruppi di lavoro saranno riattivati intorno alle seguenti tematiche: Accessibilità e trasporti (coordinato dalla Regione Piemonte), Innovazione e ricerca (Regione Provence-Alpes-Côte d'Azur), Ambiente, prevenzione dei rischi e sviluppo sostenibile Regione Rhône-Alpes), Cultura e turismo (Regione Liguria), Educazione e formazione (Regione Valle d'Aosta).

Ai gruppi di lavoro è dato mandato di predisporre progetti concreti da presentare in occasione della prossima Conferenza dei Presidenti che si terrà nel febbraio 2015 in Francia.

 

LEGGI ANCHE: L'Europa si riunisce in Croazia per parlare di turismo e sostenibilità

Mare pulito, parte la spedizione italo-francese a caccia della plastica

La Giornata dell'Autonomia: Euroregioni a confronto

 

Fonte foto: medalp.eu