fbpx

5 milioni di posti di lavoro in 10 anni: non è la promessa elettorale di qualche politico, ma la previsione che riguarda la crescita del turismo in Arabia Saudita

 

Il settore turistico saudita sta crescendo con un eccezionale tasso del 10% all'anno, ma si potrebbe arrivare persino al 30% annuo se si seguiranno precise strategie. Ne è convinto Khalil Bahadur, membro del comitato turistico alberghiero della Camera di Commercio di Gedda. Secondo Bahadur, per raggiungere l'obiettivo di 5 milioni di posti di lavoro l'Arabia Saudita deve puntare tutto sulla creazione di infrastrutture e sulla formazione di forza lavoro qualificata. Il Regno, inoltre, dovrebbe agire per consentire l'allungamento della stagione turistica oltre i 3 mesi estivi, come già avviene a La Mecca e Medina, che ospitano tutto l'anno turisti internazionali, soprattutto turisti religiosi.
Particolarmente importante è poi il turismo domestico: molti sauditi preferiscono rimanere nel proprio Paese, per evitare le tensioni degli Stati vicini, e il turismo domestico cresce al ritmo del 15% annuo: le famiglie costituiscono l'80% dei flussi domestici.
Hassan Saqr, presidente del Tourism Resorts Group, ha spiegato che la Commissione Turismo e Antichità saudita ha introdotto diverse misure per stimolare la crescita del comparto ricettivo, anche se rimane ancora molto lavoro da fare. Ma le prospettive di crescita anche occupazionale sembrano destinate a compiersi, e i 5 milioni di posti di lavoro, più che una promessa elettorale, sono una possibilità concreta per l'Arabia Saudita.

LEGGI ANCHE: Il piano dell'Arabia Saudita: più lavoro e turismo domestico per lo sviluppo

In Francia il turismo cerca lavoratori, ma non li trova