fbpx

Abruzzo, Lazio, Umbria e Marche protagoniste di un progetto che mira alla loro valorizzazione attraverso servizi televisivi e documentari

Il turismo inteso come esperienza unica e irripetibile, in luoghi autentici, ricchi di storia e tradizioni, è il trend degli ultimi anni che ha permesso ai piccoli centri di emergere nel panorama mondiale. Stavolta si parla del centro Italia, territori interessanti dal punto di vista culturale e naturalistico, colpiti purtroppo dal sisma nel 2016- 2017.

Abruzzo, Lazio, Umbria e Marche sono le regioni protagoniste del progetto “Turismo esperienziale nel cuore dell’Italia” che ha l’obiettivo di promuovere in Cina un turismo di qualità, basato su storia, cultura, enogastronomia, ambiente e benessere. L’Ambasciata d’Italia in Cina, in collaborazione con ENIT, Uni Italia e le quattro Regioni coinvolte, ha dato il via a un’iniziativa virtuosa che punta a far conoscere questi splendidi territori, cuore del Belpaese.

Sono diverse le attività realizzate nell’ambito di questo progetto, tra cui la creazione di un documentario e di servizi televisivi trasmessi da The Travel Channel, messi a punto durante il viaggio che ha interessato questi territori lo scorso marzo. Inoltre è stato redatto uno speciale focus, pubblicato sulla rivista Studying Abroad sulle istituzioni universitarie e la formazione dell’Italia centrale, la “Guida pratica all’accoglienza del turista e studente cinese”, un vademecum che consente agli operatori del settore terziario italiani di conoscere nozioni utili al fine di accogliere al meglio i turisti e gli studenti provenienti dalla Cina.

Per ogni Regione è stato realizzato un videoclip con la partecipazione di alcune personalità della comunità italiana nel paese del Sol Levante, le quali si sono prestate al fine di creare un filmato nel quale si promuove il loro territorio. Un’iniziativa che sostiene le eccellenze italiane nel Paese asiatico, valorizzando le peculiarità dei territori del centro Italia, in special modo le aree del cratere sismico, luoghi suggestivi e unici, caratterizzati da gastronomia e produzioni agroalimentari di qualità, borghi intrisi di cultura e paesaggi naturalistici degni di nota. L’Italia sta puntando molto sulla promozione turistica in Cina e lo fa attraverso una serie di azioni, tra cui ad esempio il Memorandum of Understanding, firmato a Roma lo scorso 22 marzo.