fbpx

Il progetto per mettere in rete i territori del Sud che ospitani siti Unesco ha un budget di 1,15 milioni di euro. Alla provincia pugliese che ospita Castel del Monte 110.000 euro. L'obiettivo è un'offerta turistica unica e integrata


Ancora un'alleanza tra territori in nome del turismo culturale nel Sud Italia e della sua valorizzazione: si chiama "Rete Siti Unesco" l'iniziativa, che ha per capofila la Provincia di Matera, finalizzata a dar vita a una rete tra i territori del Meridione che ospitano un sito Unesco, in modo da poter promuovere, attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie, tutte le risorse del territorio in un'offerta turistica unica e integrata.
Elaborato dall'Associazione Province Unesco Sud Italia, in collaborazione con l'Associazione Tecla, il progetto ha un budget complessivo di 1.150.000 euro, ed è stato ammesso al cofinanziamento statale per un importo di 565.000 euro. Tra i territori che fanno parte del progetto, la Provincia pugliese di Barletta - Andria - Trani, con Castel del Monte che si trova proprio ad Andria e che fa parte del patrimonio Unesco dal 1996. Per la provincia BAT il budget è di 110.000 euro, la metà dei quali di contributo ministeriale, cui si aggiungono un cofinanziamento in termini di risorse umane di 25.000 euro e un contributo di 30.000 euro a carico della Provincia.
L'obiettivo principale di "Rete Siti Unesco", si legge in un comunicato ufficiale, è quello di migliorare i servizi e i flussi turistici, facendo leva sulla valorizzazione del turismo culturale, in un'ottica di destagionalizzazione, sulla maggiore accessibilità del patrimonio culturale Unesco e sulla promozione di risorse artistiche, culturali, ambientali, naturalistiche e dei prodotti tipici.
Il progetto prevede quattro azioni: management e governance del progetto; comunicazione e disseminazione; Unesconet.net (una piattaforma per l'accessibilità); circuito UnescoNet. Le prime due, di natura trasversale, sono dedicate alla gestione progettuale e alla creazione delle condizioni di governance e sostenibilità ed alla comunicazione progettuale con divulgazione dei risultati; le seconde, invece, sono prettamente tecniche e consistono nella creazione del portale UnescoNet, contenente tutte le informazioni e i servizi, oltre a un circuito dedicato.
"Una visione d'insieme da parte dei principali decision-makers dei singoli territori è certamente la ricetta migliore per incentivare il turismo e promuovere al meglio le proprie attrattività" ha spiegato il Presidente della Provincia di Barletta - Andria - Trani, Francesco Spina "Attraverso le numerose iniziative previste, il progetto metterà a disposizione del turista una serie di strumenti in grado di assisterlo per la migliore fruizione del patrimonio culturale locale e per la costruzione personalizzata di itinerari e percorsi. Questo consentirà al territorio di valorizzare al massimo le proprie risorse, con effetti benefici sul piano della fruibilità, della visibilità, della migliore organizzazione e della maggiore competitività".

 

LEGGI ANCHE: Turismo, cultura e Unesco: l'alleanza pugliese-lucana tra Andria e Matera

491 milioni di euro per la Cultura italiana. Sud protagonista

3 nuove riserve naturali per l'Italia nella lista UNESCO