fbpx

Pubblicati due bandi del Fondo per l'Audiovisivo: 1,16 milioni di euro per le imprese locali, nazionali e internazionali che realizzano produzioni cinematografiche, televisive e web sul territorio: "Stimolano l'occupazione e valorizzano il turismo"


Oltre un milione di euro per sostenere e stimolare la produzione di film, documentari, serie tv e web sul territorio regionale, con contributi a fondo perduto che rappresentano un investimento per l'occupazione e per il turismo. Dopo mesi di attesa, la Legge Regionale 20 del 2014 dell'Emilia-Romagna è operativa con i due bandi 2015 del Fondo per l'Audiovisivo aperti fino al 26 agosto. "Un riconoscimento della produzione filmica quale fattore strategico per lo sviluppo economico, culturale e turistico dell'Emilia-Romagna, in grado di generare ricadute economiche interne, stimolare la crescita occupazionale e valorizzare il territorio coinvolto in termini di flussi turistici" si legge nel comunicato ufficiale del sito cultura.regione.emilia-romagna.it.
Due bandi che si differenziano per l'ammontare dei fondi a disposizione e per la provenienza delle imprese cui fanno riferimento. Il primo, infatti, prevede il sostegno alla produzione di opere cinematografiche e audiovisive realizzate da imprese nazionali e internazionali, con un importo complessivo di 760.000 euro, da destinare a fondo perduto sulla base delle spese ammissibili. Le tipologie di progetti ammissibili indicano le opere che prevedono almeno 6 giorni di lavorazione in Emilia Romagna e i cui costi siano sostenuti almeno per il 30% sul territorio. L'agevolazione è così determinata: 25% per i lungometraggi, fino ad un massimo di 150.000 euro; 20% per i film e le serie televisive, fino ad un massimo di 150.000 euro; 30% per i documentari/docu-fiction, fino ad un massimo di 70.000 euro; 35% per le serie web, fino ad un massimo di 25.000 euro.
Stesso iter per il secondo bando, che però stanzia 400.000 euro complessivi alla produzione di opere cinematografiche e audiovisive realizzate da imprese con sede in Emilia Romagna.
A settembre si riunirà la Commissione di valutazione, che sarà composta da un docente di materie cinematografiche, un esperto di management e dai componenti nominati dalla Cabina di Regia, formata dai quattro assessori regionali firmatari della legge: Cultura, Attività Produttive, Formazione e Turismo.
Per tutte le informazioni sui due bandi: http://cultura.regione.emilia-romagna.it/cinema/sostegno-alla-produzione-cinematografica-e-audiovisiva

 

LEGGI ANCHE: Cineturismo, le località del mondo grate al grande schermo

Veneto, la cultura alimenta l'economia

Una web serie giovane per promuovere il turismo in Sicilia

Abruzzo, una nuova film commission tra cultura e turismo

Il documentario sulle Marche della tv giapponese

Riforme, governance e cinema, il Molise cerca i riflettori

Sardegna, cinema e trasporti per destagionalizzare il turismo

 

Nella foto una scena di "Il Giardino dei Finzi Contini", film del 1970 di Vittorio De Sica, ispirato all'omonimo romanzo di Giorgio Bassani e ambientato a Ferrara