fbpx

 

Il +7,5% dell'alta stagione sostiene l'ottimismo dell'isola caraibica, dove si spera di raggiungere l'obiettivo dei 3 milioni di visitatori stranieri sfiorato l'anno scorso

Il 2014 sarà probabilmente l'anno record per il turismo a Cuba: il settore ricettivo, il secondo per fatturato dall'estero nel Paese caraibico, ha fatto registrare un incoraggiante +7,5% dall'inizio dell'alta stagione.
A differenza che in Italia, a Cuba l'alta stagione inizia a novembre e termina ad aprile, e secondo fonti ufficiali del Mintur, nei primi mesi di temporada alta l'incremento dei flussi turistici dall'estero ha toccato punte del 7,5% tra novembre e gennaio, con il +8,8% del primo mese del 2014. Regino Cruz, funzionario del Ministero del Turismo cubano, ha dichiarato che le statistiche offrono "buone prospettive" per l'anno in corso, anche alla luce delle prenotazioni confermate per marzo e per le aspettative della Settimana Santa dal 14 al 20 aprile, un gran finale per l'alta stagione.
Cruz ha poi spiegato i dettagli delle prospettive per il 2014. Stante l'embargo statunitense che da 50 anni impedisce ai cittadini americani di recarsi nella terra di Fidel Castro, il Paese che porta più visitatori è il Canada, da dove si registra – ha dichiarato Cruz – una "crescita apprezzabile". In crescita anche gli arrivi dall'Italia e da altri Stati europei, come Francia, Germania, Polonia, Svezia e Svizzera; più contenuti i flussi dalla Spagna, da dove comunque si segnala un "leggero recupero". A dare un significativo contributo alla crescita del turismo a Cuba è stato il mercato delle crociere, che qui ha toccato il +20% sull'anno scorso.
Le autorità cubane dell'isola hanno quindi annunciato di credere nell'obiettivo di 3 milioni di turisti, cifra non toccata nel 2013 quando la quota si fermò a 2.851.000 ingressi con una crescita dello 0,5% sul 2012: secondo la Oficina Nacional de Estadísticas e Información (ONEI), nel 2013 il turismo internazionale ha portato a Cuba 1,8 miliardi di dollari. Un contributo all'economia assolutamente determinante per la crescita di Cuba.

 

LEGGI ANCHE: 2 miliardi dal turismo a Cuba, visti più facili in India, Baleari contro il petrolio

l'Iva irlandese da abbassare, il turismo MICE a Barcellona e la (possibile) fine dell'embargo USA a Cuba

 


Fonte foto: impressivemagazine.com