fbpx

Sulle tracce dei luoghi della gioventù di Papa Giovanni XXIII la Regione Lombardia ha creato un percorso di 14 chilometri tra fede, paesaggio, arte, enogastronomia

Turismo religioso e marketing territoriale vanno sempre più a braccetto in Lombardia. Dal bando "Viaggio #inLombardia" i Comuni di Cisano Bergamasco, Torre de' Busi e Sotto il Monte, tra le province di Lecco e Bergamo, hanno ottenuto fondi per un loro originale progetto di promozione turistica, in grado di regalare esperienze uniche ai futuri visitatori. È la cosiddetta “Via Giovannea, sulle orme del Papa Buono”, un percorso tra i luoghi frequentati in gioventù da Papa Giovanni XXIII. L’area interessata ha forti potenzialità dal punto di vista del turismo, dello sport, della spiritualità e dell'arte. A fronte di un progetto di 80 mila euro, i Comuni capofila hanno ottenuto 46.757 euro di finanziamento regionale, subito investiti partendo dalla creazione di un logo ad hoc (realizzato dai ragazzi delle scuole superiori del territorio) fino alla promozione del sito internet (www.viagiovannea.it), una app dedicata, canali social e di numerosi eventi sul territorio.

Spina dorsale del progetto è un sentiero di 14 chilometri di camminata dolce che dalla Casa natale del Papa, a Sotto il Monte, arriva alla Chiesa di San Gregorio di Cisano Bergamasco, permettendo di ripercorrere anzitutto i luoghi dell'infanzia e della crescita del giovane Angelo Roncalli. Attorno a questa direttrice, si snodano percorsi tematici differenti. Il primo riguarda arte e fede, alla scoperta delle tante chiese e cappelle che incarnano lo spirito autenticamente religioso della Valle San Martino e dell'Isola. Un altro è il percorso enogastronomico, che si sviluppa tra agriturismi e aziende agricole locali, alla scoperta dei gusti tradizionali. Infine, l'itinerario legato allo sport e all'aria aperta, con un percorso che lega montagna e pianura, dalle Prealpi orobiche e lecchesi, alle dolci colline ricche di percorsi ciclabili e pedonali, fino al parco dell'Adda Nord. I Comuni coinvolti sono in totale quindici: oltre ai tre capofila del progetto, sono Ambivere, Mapello, Ponte San Pietro, Brembate Sopra, Calolziocorte, Caprino Bergamasco, Carvico, Monte Marenzo, Costa Valle Imagna, Palazzago, Terno d'Isola, Villa d'Adda.

“Una sinergia importante tra Enti Locali” ha commentato Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda “che ha fatto nascere un vero e proprio marchio territoriale, in ricordo di una figura di livello mondiale come il nostro amato Papa Giovanni XXIII".