fbpx

C’è tempo fino al 20 gennaio per presentare le proposte progettuali dedicate alla tutela dell’ambiente

I bambini sono il futuro, ciò che viene loro insegnato in tenera età è importante per formare le loro menti, per creare una prospettiva migliore di ciò che sarà. Il rispetto dell’ambiente è uno dei temi fondamentali da tenere in considerazione per un mondo più sostenibile.

Al fine di diffondere una nuova consapevolezza ambientale nelle nuove generazioni, è stato emanato un bando che prevede l’inserimento di progetti di educazione ambientale in tutte le scuole, di ogni ordine e grado. L’iniziativa mette a disposizione 1,3 milioni di euro per proporre iniziative volte all’inserimento di attività che hanno come tema il rispetto dell’ambiente e del territorio, le quali dovranno essere coerenti con i principi e gli impegni espressi nella Carta dell’Educazione Ambientale approvata nel mese di novembre 2016 e con la strategia “plastic free” avviata dal Ministero dell’Ambiente che mira ad eliminare gradualmente la plastica dall’uso comune, al fine di diminuire l’inquinamento da materie plastiche, che oggi affligge tutto il pianeta.

Le aree di intervento dei progetti sono tre: la qualità dell’aria e l’energia pulita, la valorizzazione della biodiversità, la raccolta differenziata dei rifiuti e lotta alle ecomafie. Per questi progetti sono stati stanziati 800 mila euro dal Ministero dell’Ambiente e 500 mila euro dal Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca. Le proposte progettuali avranno lo scopo di realizzare attività in materia di educazione ambientale, comunicazione e sviluppo sostenibile, dando priorità ai territori di pertinenza dei 24 Parchi Nazionali e potranno essere presentate da associazioni riconosciute che operano nel settore della tutela dell’ambiente e della promozione di stili di vita corretti, in collaborazione con le scuole primarie e secondarie, di primo e secondo grado. Le associazioni che presentano i progetti avranno la possibilità di collaborare con l’I.S.P.R.A. del comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari e del Corpo delle Capitanerie di porto- Guardia Costiera.

Le proposte potranno essere presentate entro il 20 gennaio e l’ammontare complessivo del singolo contributo non potrà essere superiore ai 30 mila euro. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito dedicato www.minambiente.it.