fbpx

Il Jobs Act prende forma grazie all'accordo tra albergatori e sindacati sui contratti a termine e di apprendistato nel settore turistico. Bocca (Federalberghi): Ora il governo vada avanti

 

Federalberghi e FAITA Federcamping hanno siglato ieri con le organizzazioni sindacali di categoria Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs un accordo in materia di contratti a termine e di apprendistato, che recepisce le innovazioni apportate dal Jobs Act e le adatta alle particolarità del settore turismo, ovviando ad alcune problematiche che la disciplina di legge aveva generato.
In un comunicato, Federalberghi spiega che l'accordo interessa oltre 200.000 lavoratori nel comparto turistico-ricettivo, e che chiarisce il campo di applicazione dei limiti quantitativi all'utilizzo dei contratti a termine introdotti dalla legge, escludendo da tali limitazioni i contratti stipulati per ragioni di stagionalità in senso ampio e di intensificazione dell'attività turistica in particolari periodi dell'anno, anche con riferimento alle aziende ad apertura annuale.
Le parti hanno confermato, inoltre, che a tali tipologie dei contratti non si applica il cosiddetto "stop-and-go", con la conseguente possibilità di stipulare contratti a tempo determinato in successione, cogliendo tutte le opportunità offerte da un mercato turistico che si contraddistingue sempre più per l'andamento irregolare della domanda.
Novità annunciate da Federalberghi e FAITA anche per quanto riguarda l'apprendistato formativo, destinato ai lavoratori più giovani, che potrà essere effettuato anche in cicli stagionali, laddove lo prevedano le normative regionali. I benefici dettati dall'accordo saranno riconosciuti unicamente alle aziende che applicano il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) Turismo che le stesse parti hanno siglato il 18 gennaio scorso.

A esprimere soddisfazione per l'accordo raggiunto è stato Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi: "Si tratta di un grande passo nella direzione giusta, quella di favorire l'impiego dei giovani e di sfruttare le immense possibilità del turismo per dare risposte alla richiesta di lavoro che diviene ogni giorno più pressante nella nostra società. Contro la disoccupazione occorrono fatti, il tempo delle parole e dei proclami è finito". Bocca ha infine auspicato che "il Governo faccia presto la propria parte e completi il percorso segnato dalle parti sociali, introducendo le modifiche tecniche già richieste dal Parlamento con un ordine del giorno, per chiarire la disciplina delle proroghe".

 

LEGGI ANCHE: Art Bonus in vigore: ecco le misure per Cultura e Turismo

Tra Jobs Act e l'Expo: il turismo può risollevare il lavoro in Italia?