fbpx
napoleone isola elba

Un lungo e ricco calendario di festeggiamenti all'Isola d'Elba, in occasione del bicentenario dell'arrivo di Napoleone Bonaparte sull'isola toscana che ricorre il 4 maggio
Si protrarranno per quasi un anno, fino al 26 febbraio prossimo, le celebrazioni che l'Elba tributerà per ricordare i duecento anni dallo sbarco sull'isola dell'esiliato Napoleone Bonaparte: eventi culturali e folkloristici, rievocazioni storiche, mostre, concerti e convegni organizzati per il grande evento. Dieci mesi di celebrazioni, come dieci furono i mesi che Napoleone trascorse forzatamente all'Elba, prima della sua fuga resa possibile proprio da una grande festa organizzata come diversivo per eludere la sorveglianza degli inglesi. Sull'Isola d'Elba Napoleone portò per quel periodo di esilio i fasti del suo impero, soprattutto nella sua residenza di Portoferraio, e lasciò importanti segni nella costruzione di ospedali e nell'organizzazione delle strade, delle miniere di Rio e Capoliveri e dell'agricoltura isolane.
Le celebrazioni per il "turista più famoso della storia dell'Elba" si inaugurano quindi domenica 4 maggio con la rievocazione storica dello sbarco dell'imperatore a Portoferraio, il principale porto dell'isola, con oltre 200 figuranti in costume d'epoca tra ufficiali e soldati della sua guardia, e con la consegna delle chiavi della città. In occasione del bicentenario nel piazzale Napoleone di Portoferraio, è stata restaurata anche la sua residenza di Villa dei Mulini, così da farne riscoprire l'assetto originario voluto. La Villa, costruita nel 1724 dal granduca Gian Gastone de' Medici, fu riadattata secondo le esigenze di Napoleone, che fece aggiungere alla residenza un piano da dove osservava le navi in entrata e in uscita dal porto.
Oggi la palazzina dei Mulini è un museo nazionale e ospita mobili ottocenteschi stile Impero, la biblioteca dell'Imperatore e un giardino che si sviluppa tra la palazzina e il mare. Da inizio giugno al 30 settembre la galleria Demidoff di Villa di San Martino ospita invece una mostra dedicata a com'era l'Elba durante il periodo napoleonico, con l'allestimento dell'originale tenda da campo dell'epoca, mai vista prima in pubblico in Italia, usata da Napoleone nei suoi spostamenti durante le campagne militari: un'imponente reggia itinerante, alta più di 3 metri, raffigurata nei più importanti dipinti dell'epoca, con tutte le comodità e le sicurezze per l'Imperatore. Nella tenda, restaurata dal Mobilier National di Parigi, si trovavano mobili progettati da abili artigiani facilmente ripiegabili, trasportabili e molto leggeri, che dovevano seguire Napoleone nei suoi tanti spostamenti.
I festeggiamenti proseguiranno per tutta l'estate con una serie di spettacoli, mercati, concerti, gare veliche, proiezioni cinematografiche e fuochi d'artificio. Il 13 e il 14 giugno, in particolare, si svolgerà la Régat Napoléon, gara velica dell'Aive - Associazione Italiana Vele d'Epoca, che parte da La Spezia e si conclude a Portoferraio. Spettacolo pirotecnico invece a Portoferraio il 15 agosto, in occasione del compleanno di Napoleone, con la rievocazione dell'incontro del condottiero con la contessa Maria Walewska, sua amante e madre di suo figlio Alexandre, nel santuario della Madonna del Monte di Marciana.
Le celebrazioni si concluderanno quindi il 26 febbraio 2015, proprio con una grande festa che ricorda il giorno in cui l'Imperatore, il 27 febbraio 1815, organizzò un grande evento al quale invitò tutta la popolazione dell'isola; per la grande confusione le guardie inglesi lo persero di vista e lui poté imbarcarsi di nascosto su un bastimento che lo aspettava all'isolotto di fronte al porto.
Numerose le iniziative turistiche che il Comune di Portoferraio ha organizzato per il bicentenario. Come le passeggiate guidate "I luoghi di Napoleone", per lo stretto rapporto con l'isola del grande condottiero. Altra iniziativa interessante è "Napoleone a tavola", con il quale per tutta l'estate nei ristoranti del tour si possono trovare accattivanti menu napoleonici, basati sulla cucina tradizionale ottocentesca locale.

 

LEGGI ANCHE: Napoleone presenta l'Isola d'Elba alla Bit