fbpx

Sempre maggiore attenzione viene prestata al turismo su due ruote

Sarà il Friuli Venezia Giulia la Regione capofila della ciclovia nazionale Trieste-Lignano Sabbiadoro-Venezia entrata a pieno titolo nel sistema nazionale delle ciclabili turistiche in virtù della sua funzione strategica nella rete delle ciclabili europee poiché è snodo tra la ciclovia europea EuroVelo 8-Mediterranean Route e la ciclovia Alpe Adria.

La Trieste-Lignano Sabbiadoro-Venezia ha una progettazione e realizzazione interregionale finanziate dal ministero delle Infrastrutture (Mit) con 16,6 milioni di euro. Attualmente è in corso la predisposizione del Protocollo di intesa fra le Regioni e il Mit per la definizione dell'iter progettuale complessivo e per l'esecuzione delle prime opere.

Le due ruote costituiscono uno degli asset economici principali del turismo e il FVG vi ha investito molte risorse attraverso tre tipologie di soggetti: la Regione ovviamente per la parte infrastrutturale, i Comuni per la messa in rete dell'offerta turistica e i privati per gli investimenti su ricettività e accoglienza. Questa unità d’intenti ha ispirato il progetto "Un mosaico da scoprire su due ruote" presentato dall'Uti Agro-Aquileiese e finanziato dalle Intese per lo sviluppo con fondi regionali per complessivi 2,75 milioni di euro.

Il primo studio di fattibilità, affidato all'Università Cattolica del Sacro Cuore, ha individuato una rete cicloturistica intercomunale nel territorio che va da Palmanova a Grado, passando per Cervignano, Aquileia, Torviscosa e le campagne limitrofe. La rete unisce e attraversa zone dall’interesse tematico variegato: residenze storiche, cantine e aziende agricole d'eccellenza, chiesette di campagna e paesaggi lagunari. Tutto è raggiungibile sulle due ruote seguendo percorsi circolari che fanno perno sulle due principali ciclovie regionali in questo lembo della Bassa friulana, la Alpe Adria (Fvg1) e la Adria Bike (Fvg2).

Sulla sola Alpe Adria si sono contati 140mila passaggi. Ora l’obiettivo è trattenere i cicloturisti sul territorio sviluppando un'economia locale dedicata. La promozione vede operare congiuntamente PromoturismoFvg, Federazione Italiana Amici della Bicicletta (Fiab Fvg) e, per il sistema intermodale, i gestori degli scambi bici-bus e bici-treno (Trenitalia, treno transfrontaliero Micotra, aziende di trasporto locali su gomma).