fbpx

Santander Consumer Bank: importante realtà bancaria spagnola s’insedia nell’edificio dell’ex Isvor di Torino che a inizio Novecento ospitò la prima sede produttiva Fiat

Torino è sempre più la capitale dei servizi grazie alla nuova vita di edifici un tempo adibiti a poli produttivi e officine. Prima capitale d’Italia e già punta del triangolo industriale insieme a Milano e Genova, oggi il capoluogo piemontese è pronto per affrontare nuove sfide ma con i piedi “piantati” nella storia, anche quella architettonica e industriale. La recente operazione di Palazzo Santander va in questa direzione. Venerdì 13 aprile 2018 è stato il giorno del taglio del nastro nella nuova sede della banca spagnola. Santander Consumer Bank ha scelto la ex Isvor (Istituto Sviluppo e Organizzazione) tra corso Dante e corso Massimo dove a inizio Novecento iniziò la produzione targata Fiat. Nella nuova sede disposta su 3 piani per circa 7000 metri quadrati lavoreranno quasi 500 persone.

“Apriamo le porte alla nostra nuova ‘casa’, luogo di storia cittadina e nazionale, che da oggi darà ancor più valore al nostro brand, ma soprattutto darà modo alle persone della sede centrale di lavorare più vicini e in modo più smart - afferma Alberto Merchiori, amministratore delegato di Santander Consumer Bank Italia -. Abbiamo scelto questa sede, consapevoli di avere importanti responsabilità nei confronti di questa città, anche a fronte dell’importante indotto derivante dalla nostra presenza. Vogliamo valorizzare la storia del tessuto urbano, del lavoro e delle risorse umane; ambiamo a una sempre maggiore sostenibilità ambientale, ma soprattutto desideriamo entrare ancor più nel tessuto sociale del territorio per il quale stiamo studiando un calendario di iniziative molto capillari. Palazzo Santander è il luogo in cui i nostri obiettivi si incontrano e troveranno il loro sviluppo”.

Santander Consumer Bank è stata certificata nel 2018 Top Employers Europe e Top Employers Italia per le eccellenti condizioni di lavoro del personale. La responsabilità sociale e le ricadute sul territorio sono testimoniate da alcune iniziative. A partire dalla struttura con un sistema di riscaldamento e condizionamento dotati di un complesso impianto geotermico e un impianto d’illuminazione con spegnimento automatico degli ambienti non occupati. Tra le attività sportive spicca la Santander Mezza Maratona, che ogni anno raduna oltre 6000 runner da tutto il mondo. Il contributo a favore di progetti destinati a piccoli pazienti dell’Ospedale Regina Margherita e un progetto finalizzato al reinserimento professionale di persone senza fissa dimora in collaborazione con Casa Santa Luisa. Tra gli altri obiettivi il Gruppo sta lavorando per sostenere il campionato italiano di vela per i diversamente abili.

Dopo venti mesi di ristrutturazione e un importante investimento economico Santander – per 19 anni al Lingotto – oggi riparte da una struttura storica, progettata nel 1899 e chiusa ufficialmente nel 2008, riprogettata all’insegna della sostenibilità ambientale. La firma del progetto è di Torino Zero 5, Negozio Blu Architetti e Mcm Ingegneria che hanno studiato un’interazione di spazi differenziati tra loro: desk, postazioni informali per il teamwork alternate a vegetazione d’interni, box vetrati, salette tematiche, sala riunioni, strutture per videoconferenze e luoghi d’incontro, open space, acoustic rooms, sale training e lounge/aree ristoro. Un altro tassello per il nuovo volto di Torino è stato posto in un edificio simbolo della storia economica italiana.

Emanuele Franzoso

Emanuele Franzoso

Twitter @EFranzoso