fbpx

Per Lloyds Bank in tutta la Gran Bretagna il costo degli appartamenti è maggiore del salario medio annuale degli abitanti: Oxford la più cara, seguono Winchester, Truro e Bath

Sarà a causa delle "sognanti guglie" cantate dal poeta Matthew Arnold e per il peso della sapienza che viene diffusa dal 1096 nel capoluogo dell'Oxfordshire, Oxford, ancora oggi sede di alcune delle facoltà più prestigiose in cui si riversano migliaia di giovani "cervelli" da tutto il mondo, è la città meno a buon mercato del Regno Unito, dove in media gli appartamenti costano 11 volte il salario medio annuale dei suoi abitanti.
Che il costo della vita, pur con salari mediamente più alti del resto d'Europa, sia in Gran Bretagna molto elevato è un segreto di Pulcinella, ma Oxford è solo la punta di diamante di una classifica del mattone vertiginosa in tutto il Paese. Secondo una ricerca di Lloyds Bank, in media nelle città inglesi il costo degli appartamenti è maggiore di 5,8 volte il salario medio degli abitanti del luogo: il prezzo medio del costo di un appartamento è £ 184.215 pari a 221.280 € circa. Il rapporto punta il dito sulla curva dei prezzi a Oxford che, nello spazio temporale di un anno, è passata da 9 a 11 volte tanto lo stipendio medio; ragione di questo ulteriore incremento è che molti proprietari sono pendolari a Londra e mettono le case in affitto alle migliaia di studenti delle prestigiose facoltà. Curioso è che in questa classifica di prezzi del mattone britannico, Londra arriva solo al sesto posto: precisamente un appartamento nell'area di Westminster, il cuore istituzionale e storico della capitale, costa "solo" 7,6 volte il salario medio locale. Lloyds Bank ha stilato anche la classifica delle città in UK in cui il mattone è più economico: nella top 5, l'unica località inglese è Bradford, la città che sorge sul fiume Avon nello Yorkshire non lontano da Stratford, città natale di Shakespeare, mentre le altre sono dislocate tra Scozia e l'Irlanda del Nord, compresa Belfast.

 

Di seguito la classifica completa dell'indagine di Lloyds Bank, pubblicata e commenta dal quotidiano The Independent.

 

Uk affordable index

Classifica della città in Gran Bretagna meno a buon mercato:
1. Oxford, 11.25
2. Winchester, 9.65
3. Truro, 8.57
4. Bath, 8.05
5. Brighton and Hove, 7.94
6. Chichester, 7.71
7. Westminster, 7.60
8. Salisbury, 7.40
9. Cambridge, 7.32
10. Southampton, 7.15

 

Classifica della città in Gran Bretagna più a buon mercato:
1. Stirling, 3.30
2. Londonderry, 3.56
3. Newry, 3.90
4. Belfast, 4.12
5. Bradford, 4.15
6. Lancaster, 4.28
7. Lisburn, 4.29
8. Salford, 4.45
9. Glasgow, 4.51
10. Durnham, 4.60

 

LEGGI ANCHE: Le città più care e le più economiche del mondo

Italiani in viaggio: a Londra per studiare, in Spagna per fare fiesta

Turismo musicale, per il Regno Unito un business da 2,2 miliardi di sterline

 


Fonte foto: vash.org