fbpx

L’Italia è tra le destinazioni più gettonate dai golfisti di tutto il mondo

Il mondo golfistico italiano è sempre presente sui mercati esteri. Merito di ENIT-Agenzia Nazionale del Turismo che ha preso in carico l'organizzazione di eventi e le attività di promozione del sistema nazionale del golf, auspice il progetto "Italy Golf&More" voluto dalla Federazione.

A metà ottobre si è svolto a Marrakech l’IGTM - International Golf Travel Market a cui hanno partecipato tutti gli operatori del settore. In precedenza Enit è stata presente alle altre fiere del 2019, come il Bmw International Open di Monaco a giugno, l'Omega European Masters a Crans Montana in Svizzera ad agosto, al Bmw PGA Championship a Virginia Water in Inghilterra a settembre.

Il turismo del golf nel mondo muove numeri interessanti: solo nel 2018 i tour operator hanno registrato un'impennata dell’8,6% e gli arrivi dei visitatori del golf in Europa sono cresciuti del 2,2%. L'associazione internazionale dei tour operator del golf (campi, attrezzatura, hotel) conta una crescita complessiva del +3,2% degli arrivi nel 2018.

 

 

Vendite di attrezzature e prenotazioni anticipate sono proseguite anche nel 2019. L’Italia è nella top ten delle destinazioni golfistiche: al quinto posto tra le mete degli amatori per praticarlo (14,4%) dopo ciclismo (36,1%), sci (25,8%), trekking (24,7%) e calcio. Sono quasi due milioni le presenze legate al turismo golfistico e ben 3,9 milioni se si considera anche chi sceglie la destinazione Italia per altri motivi ma che pratica il golf durante la vacanza. Il nostro Paese conta 385 Golf Club nazionali e 104 Golf Club definiti dalla FIG (Federazione italiana golf) a vocazione turistica. L’Italia ha dal suo un clima particolarmente propizio che favorisce un afflusso di turisti anche in bassa stagione e punta a convogliare sulla Penisola una fetta sostanziosa dei 4,2 milioni di golfisti europei. Sdoganato come sport selettivo e di élite, il mercato del golf vale oggi 23 miliardi di dollari e si prevede che nel 2021 possa superare i 44 miliardi.