fbpx
Ravenna

Il Fondo EuReCa Turismo finanzierà ristrutturazioni e ammodernamenti delle strutture ricettive del territorio. Prevista anche una quota a fondo perduto

“EuReCa”: in questo caso non è un’esclamazione, anche se rimane indubbiamente una bella invenzione.

Pochi giorni fa, Regione Emilia-Romagna e Cassa Depositi e Prestiti (CDP) hanno sottoscritto un accordo che istituisce il Fondo regionale “EuReCa Turismo” – dalle iniziali dei soggetti parte attiva, ovverosia Europa, Regione e Cassa Depositi e Prestiti – finalizzato a favorire interventi di ristrutturazione e ammodernamento delle strutture turistiche da Piacenza a Rimini. L’iniziativa rientra nelle attività a sostegno degli investimenti produttivi previste dal POR-FESR 2014/2020 e i fondi disponibili ammontano a 150 milioni di euro.

Il modello si basa sull’utilizzo combinato di risorse regionali e risorse CDP per stimolare gli investimenti privati, con l’obiettivo di migliorare la già notevole offerta turistica della zona e favorire un’ulteriore crescita del settore e dell’economia locale nel suo complesso.

In particolare, CDP interviene a favore delle imprese emiliano-romagnole facilitando la concessione di garanzie da parte del sistema dei Confidi, i consorzi italiani che svolgono attività di prestazione di garanzie per agevolare le imprese nell'accesso ai finanziamenti a breve, medio e lungo termine destinati alle attività economiche e produttive, offrendo una vera e propria “contro-garanzia”.
“Con il Fondo EuReCa Turismo, Cassa Depositi e Prestiti e Regione rafforzano la collaborazione e, grazie ad un approccio innovativo, sostengono i progetti di investimento delle imprese che operano nel settore turistico dell’Emilia Romagna”, ha dichiarato Nunzio Tartaglia, responsabile CDP Imprese. “Questa iniziativa è coerente con le linee strategiche del Piano industriale 2019-2021 del Gruppo CDP, che mirano al supporto delle imprese e degli investimenti in settori strategici per l’attrattività e la competitività del Paese, massimizzando gli impatti positivi sulle comunità e sul territorio”.

La collaborazione tra Regione Emilia-Romagna e CDP non è una novità: già nel 2018 i due soggetti avevano lanciato una prima iniziativa per favorire l’accesso al credito dell’industria manifatturiera del territorio, attraverso la quale sono stati attivati oltre 90 milioni di euro di investimenti e realizzati ben 346 progetti.

L’intervento 2019, però, prevede anche un contributo a fondo perduto nella misura minima del 10-20% in relazione alla tipologia di impresa beneficiaria. Questo contributo verrà erogato direttamente dalla Regione attraverso una misura di prossima attivazione, con l’individuazione da parte di CDP dei Confidi ammessi ad operare sulla piattaforma. Fondamentale, affinché si possa beneficiare della già citata contro-garanzia di CDP, è che i Confidi presentino una manifestazione di interesse entro le ore 12.00 del 15 maggio, sulla base della procedura di selezione disponibile sul sito web di Regione Emilia-Romagna e di CDP, alla pagina cdp.it/FondoEuReCaTurismo.

Al termine della procedura di selezione dei Confidi, quindi, le imprese del settore turistico potranno beneficiare sia della garanzia dei Confidi (a loro volta contro-garantiti dal Fondo EuReCa Turismo), sia della contribuzione a fondo perduto gestita direttamente dalla Regione, che sarà aperta nei prossimi mesi.

L’iniziativa punta a generare un impatto positivo sia in termini sociali e ambientali sia sull’economia del settore, che vanta ben 150.000 camere in 4.300 strutture ricettive di diverse tipologie.