fbpx

Un nuovo progetto di promozione turistica per migliorare il posizionamento internazionale con la regia dell’assessorato regionale al turismo, marketing e moda

Punta al Regno Unito e in generale ai Paesi anglosassoni la promozione turistica della Lombardia: la Regione ha infatti avviato un progetto denominato "The Lombardia Experience" in collaborazione con la compagnia aerea irlandese Ryanair. Alla base c’è una campagna di comunicazione multicanale focalizzata principalmente negli aeroporti di London Southend e London Stansted. In entrambi ci sarà un punto informativo della Regione Lombardia per la distribuzione di materiale promozionale.

Il progetto è allargato altresì alla piattaforma di Ryanair "Try Somewhere New" che avrà un focus sulla Lombardia. Giornalisti e travel blogger vi potranno inserire le loro esperienze di viaggio a bordo di Ryanair in una sorta di storytelling collettivo. La collaborazione tra Regione e Ryanair prevede inoltre una serie di iniziative con l'obiettivo di valorizzare e promuovere la grande ricchezza di servizi e di attrazioni turistiche del territorio lombardo, dalle specialità gastronomiche alle città d’arte e ai piccoli borghi, dal leisure allo shopping.

Scopo principale di "The Lombardia Experience" è ovviamente incrementare i flussi turistici d’Oltremanica lungo tutto l’anno. Nel 2018 gli arrivi dal Regno Unito sono stati 576.206, le presenze 1.762.425. Dagli Stati Uniti, invece, si contano 634.987 arrivi e 1.386.328 presenze. In generale, dopo la Germania (quota del 22,5%), quello del Regno Unito con il 7% è il secondo mercato di provenienza di turisti stranieri in Lombardia; gli USA sono quarti (Paesi Bassi terzi con il 5,6%) con il 5,5%.

Ryanair per parte sua ha appena lanciato l’operativo da Milano per l’estate 2020 con oltre 123 rotte, da Bergamo (96) e Malpensa (27), tra cui 4 nuovi servizi estivi che collegheranno Bergamo con Agadir, Marsiglia, Tbilisi e Yerevan, e 2 da Milano Malpensa con Manchester e Kalamata. La programmazione estiva di Ryanair porterà 14,5 milioni di clienti all'anno e supporterà 10.875 posti di lavoro in entrambi gli aeroporti, con un aumento del traffico di Milano del 4,5%.