fbpx

Al momento in Italia per la valorizzazione del territorio si fa ancora poco. Dobbiamo credere che il turismo possa rappresentare una leva di sviluppo economico, ma non dobbiamo solo pensarlo, dobbiamo anche agire. Con Italiavirtualtour.it stiamo agendo dal 2 aprile 2012, e in questi giorni abbiamo pubblicato il virtual tour numero 5.000.
È un traguardo che ci inorgoglisce, e che allo stesso tempo ci spinge ad andare avanti. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare le bellezze d'Italia in virtual tour, un'elaborazione di fotografie in HDR a 360° che permette all'utente di compiere una visita estremamente realistica e fortemente interattiva dell'ambiente e di muoversi al suo interno con facilità, mantenendo il fascino della realtà che ti circonda in ogni suo elemento.

 

Per fare questo, però, abbiamo bisogno dell'aiuto e della passione dei tanti amministratori pubblici italiani, ma anche della forza produttiva, di quei tanti piccoli e medi imprenditori che ogni mattina, nonostante tutto, riescono ad accendere il motore produttivo dell'Italia.
Italiavirtualtour.it fino ad ora ha raggiunto oltre 400 comuni in 16 regioni d'Italia. In questo momento stiamo ultimando le nostre rilevazioni fatte in Abruzzo. Quotidianamente stiamo pubblicando nuove straordinarie bellezze del nostro territorio che troppo spesso, purtroppo devo aggiungere, sono sconosciute ai più.
Con il mio staff stiamo girando l'Italia ormai da oltre un anno. Non nascondo che nel nostro peregrinare per l'Italia abbiamo scoperto e fotografato liberamente tante eccellenze, ma allo stesso tempo ci siamo imbattuti anche nel "bigottismo" di pochi che, pur riconoscendo la nostra valenza sociale, hanno espresso il loro fermo rifiuto. Ma questo non ci ha scoraggiato, anzi continuiamo in un lavoro quotidiano e costante che ha portato con il passare del tempo alla creazione di un vero e proprio team che segue passo passo tutte le operazioni, dalla scelta dei luoghi da fotografare alla pubblicazione on line del nostro prodotto.


Dalla nostra abbiamo numeri importanti, oltre 100.000 pagine viste al giorno su un blog costantemente aggiornato e con varie sezioni dedicate agli itinerari, alla cucina, alle aziende. Proprio i numeri raggiunti ci hanno spinto ad avviare una serie di iniziative con le Pubbliche Amministrazioni, con l'intento di aiutare lo sviluppo e la promozione del territorio e delle tante bellezze italiane. Da questi contatti, al momento sono stati già realizzati tre progetti: il primo con il comune di Subiaco (www.subiacoturismo.it), poi quello con il comune di Amatrice (www.amatriceturismo.it) ed ultimo in ordine di tempo quello con il comune di Ardea (http://ardea.italiavirtualtour.it). I progetti prevedono un accordo con l'Amministrazione per la realizzazione della mappatura del territorio in virtual tour, del sito turistico del Comune e l'installazione della segnaletica turistica integrata con il QRCode, un modo per aiutare i turisti a rintracciare e conoscere le attrattive turistiche cittadine. Inquadrando i QRCode con la fotocamera dello smartphone o tablet, si avrà la possibilità di visualizzare le immagini in virtual tour, i testi informativi e gli orari di apertura di un sito turistico. Un sistema facile, veloce e interattivo che permette di ottenere un duplice vantaggio: per il turista la possibilità di girare in città senza mappa, guide e pesi, e per l'Amministrazione Pubblica la disponibilità di informazioni utili per valutare gli interessi e le abitudini dei turisti e ottenere dati importanti, per fornire ai cittadini e ai visitatori un servizio sempre più mirato ed efficiente.
Il virtual tour, del resto, offre la possibilità di valorizzare qualunque contesto turistico, territoriale e ricettivo, dalla trattoria al ristorante, dalla struttura alberghiera al centro benessere, dalla sala ricevimenti alle strutture fieristiche, dalle chiese ai panorami. Con un investimento minimo, che non richiede l'acquisto di ulteriori licenze, e con la possibilità di integrare i virtual tour in siti web già esistenti, visibili sia da dispositivi fissi che mobili, i virtual tour permettono l'aumento del tempo di permanenza su un sito e l'incremento di circa il 40% delle visite, tale da incrementare le vendite fino all'85%. Senza contare il vantaggio per il cliente/turista, che può fare una visita virtuale del luogo o della struttura che intende visitare.


L'80% dei consumatori che acquista su internet, infatti, ritiene che le immagini e le esperienze visive chiare e reali siano indispensabili nell'acquisto di prodotti e servizi: questo fa sì che il ritorno sull'investimento (ROI) per il virtual tour sia di fatto inferiore alle 4 settimane, e che il virtual tour full screen incrementi la possibilità di vendita del 60% di un prodotto legato al turismo.
Un tour virtuale crea quindi nell'utente una voglia di visitare "realmente" quello che sta vedendo sul proprio dispositivo. Sia chiaro, non crediamo che il virtual tour sia sostitutivo del viaggio, anzi esso invoglia a visitare posti nuovi e che magari non si sarebbero mai conosciuti se non grazie al virtual tour (abbiamo ricevuto tante mail di utenti che dopo aver visto, per esempio, Civita di Bagnoregio in virtual tour hanno deciso di visitarla con la propria famiglia). Per questo sul nostro portale non ci limitiamo a mappare solo le grandi città, che hanno di fatto già una notorietà in campo turistico, ma usciamo dai soliti percorsi conosciuti e andiamo alla scoperta di un "nuovo turismo" che abbia alla base la voglia di conoscere nuovi posti. Una funzione anche sociale e promozionale, tante volte ci sono bellezze turistiche sconosciute agli stessi abitanti.
È il caso di dire: un ottimo biglietto da visita per ogni territorio.

 

Michelfranco Terzulli - italiavirtualtour.it