fbpx

Il MiBAC promuove la cultura come fattore abilitante dello sviluppo sostenibile e stanzia 25 milioni fino al 2021 per la rigenerazione delle periferie attraverso progetti nelle scuole e nelle biblioteche

Al via “Cultura Futuro Urbano”, il piano promosso dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane in collaborazione con le istituzioni interessate che punta a rigenerare le periferie attraverso progetti culturali nelle scuole e nelle biblioteche: lo ha annunciato pochi giorni fa il ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli.

Il piano si articola in tre azioni strategiche – Scuola attiva la cultura, Biblioteca casa di quartiere e Completati per la cultura – finalizzate a incrementare, innovare e migliorare i servizi e le funzioni culturali nelle scuole e nelle biblioteche dei quartieri periferici o a recuperare opere pubbliche rimaste incompiute.

I primi bandi saranno pubblicati a marzo e si rivolgeranno a Enti pubblici, privati e a soggetti appartenenti al terzo settore. La selezione premierà l’originalità e la qualità delle proposte culturali e si stima verranno finanziati oltre 100 progetti su tutto il territorio nazionale, per uno stanziamento complessivo di 25 milioni di euro fino al 2021.

“La rivalutazione delle periferie è una delle priorità del mio mandato”, ha dichiarato il ministro Bonisoli. “I progetti che verranno realizzati con questo piano contribuiranno a costruire, attraverso la cultura, opportunità per il miglioramento sociale ed economico dei territori più fragili. Favorire l’intelligenza collettiva, creare dinamiche collaborative tra istituzioni pubbliche, private e terzo settore contribuirà a rispondere ai bisogni reali delle persone e a rispondere alle trasformazioni sociali in atto”.

Dopo il Piano Città che nel 2015 aveva visto lo stanziamento di 200 milioni di euro per la rigenerazione delle aree urbane degradate, il Fondo Sport e Periferie del 2016 diventato strutturale nel 2018 con un fondo di 10 milioni di euro annui e il “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia” delle Leggi di bilancio 2016 e 2017 per 2,3 miliardi di dotazione complessiva, le periferie tornano nuovamente al centro dell’attenzione.

Promuovendo la cultura come fattore abilitante dello sviluppo sostenibile, l’iniziativa del MiBAC risulta in linea con gli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 e con quelli dell’Agenda Urbana europea.