Palazzo Altemps a Roma

Il ministero inizia una riflessione sull’intero sistema museale nazionale e avvia un confronto con amministrazioni comunali e regionali, soggetti privati e associazionismo

Una nuova commissione MIBAC, denominata RST (Reti museali e Sistemi Territoriali), si occuperà di tracciare delle linee guida per sviluppare tutte le possibili strategie di collaborazione e cooperazione tra le istituzioni culturali pubbliche, quelle private e le realtà produttive territoriali, puntando all’aumento della fruibilità di tutti i siti culturali nel Paese.

Istituita dal ministro Bonisoli, avrà come elemento principale la "progettazione partecipata" e incoraggerà forme di partenariato che contribuiscano a mettere a sistema strumenti e competenze, così da costruire una rete a livello nazionale che sia anche capace di connettere tra loro tutti i luoghi di interesse culturale, valorizzando, soprattutto, i siti meno noti.

La Commissione si è data 12 mesi di tempo per formulare proposte finalizzate all’attuazione di iniziative e politiche di valorizzazione integrata, sostenibile e durevole del patrimonio culturale. Nel concreto si occuperà di strumenti che facilitino e incentivino gli accessi nei musei, come le "card museali". Vi saranno meccanismi premianti per quei territori che sapranno distinguersi per le capacità di integrare luoghi culturali e servizi.

La Commissione RST è composta da: Daniela Tisi, Consigliere del Ministro, in qualità di Presidente; Ilaria Cavo, Assessore alla Cultura della Regione Liguria; Manuel Roberto Guido, esperto e già dirigente Mibac; Antonio Lampis, Direttore Generale Musei; Francesca Paola Leon, Assessore alla Cultura di Torino; Tiziana Maffei, Presidente di ICOM Italia; Virginia Villa, esperta.

riccardo caldara 180x226

Riccardo Caldara

Twitter @riccardocaldara