fbpx

Dal ministero di cultura e turismo un avviso pubblico per prendere in gestione e valorizzare 13 immobili in 7 Regioni del nord e centro Italia

Castelli, ville nobiliari, abbazie: è un patrimonio immobiliare di gran lusso quello che il MiBACT mette a disposizione con canoni d’affitto poco più che simbolici per le associazioni che vogliano valorizzare gli immobili a fini culturali e turistici.
La Direzione Generale Musei del ministero ha lanciato l’avviso pubblico per individuare associazioni e fondazioni senza fini di lucro alle quali concedere in uso 13 beni immobili del demanio culturale dello Stato, per i quali attualmente non è pagato alcun canone di affitto e che richiedono interventi di restauro.
La concessione d’uso, spiegano dal MiBACT, è finalizzata alla realizzazione di un “progetto di gestione del bene” che ne assicuri la corretta conservazione, l’apertura al pubblico e la migliore valorizzazione. Gli enti interessati possono presentare la propria proposta, per un massimo di tre siti, entro il 16 gennaio 2017. Nella proposta dovranno illustrare i lavori di restauro con i relativi costi da sostenere, i progetti di valorizzazione, le eventuali collaborazioni con altre strutture, i prezzi previsti per i biglietti d’ingresso e le iniziative che si vogliono realizzare. I canoni d’affitto a base d’asta variano tra i 600 e i 19.000 euro all’anno.
Questo l’elenco completo dei 13 immobili in 7 Regioni messi a disposizione dal MiBACT:
- Polo museale dell’Abruzzo: Capestrano (AQ) – Chiesa di San Pietro ad Oratorium (canone annuale 595,30 euro);
- Polo museale dell’Emilia Romagna: Bologna – Chiesa di San Barbaziano (44030 euro); Canossa (RE) – Castello di Canossa e Museo nazionale “Naborre Campanini” (760 euro);
- Polo museale del Lazio: Bassano Romano (VT) – Villa Giustiniani (18.920 euro); Collepardo (FR) – Certosa di Trisulti (14.658 euro);
- Polo museale del Piemonte: Albugnano (AT) – Abbazia di Santa Maria di Vezzolano (9100 euro); Moncalieri (TO) – Castello (12.335 euro);
- Polo museale della Toscana: Castelfranco di Sopra – Piandiscò (AR) – Abbazia di Soffena (1271 euro); Monteriggioni (SI) – Eremo di San Leonardo al Lago (1215 euro); Vignano (SI) – Villa Brandi (4059 euro);
- Polo museale dell’Umbria: Perugia – Villa del Colle del Cardinale (14.100 euro); San Giustino (PG) – Castello Bufalini (12.180 euro);
- Polo museale del Veneto: Dolcé (VR) – Loc. Volargne – Villa del Bene (4713 euro).

Per il regolamento completo del bando: http://musei.beniculturali.it/bandi/avviso-pubblico-per-la-concessione-in-uso-di-beni-immobili-statali

Bando sul sito del MiBACT: http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/visualizza_asset.html_549904476.html