fbpx

La Regione aderisce al programma della Commissione europea dedicato allo sviluppo della mobilità sostenibile come strumento per favorire il turismo senior, soprattutto in media e bassa stagione

Un Friuli-Venezia Giulia più "europeo" per sviluppare la mobilità sostenibile, in particolare nel turismo senior e destagionalizzato. La Regione Friuli Venezia Giulia parteciperà come partner progettuale al Progetto Home-Hospitability in Multicultural Europe che verrà presentato sul Programma della Commissione Europea COSME, dopo la decisione della Giunta regionale su proposta dell'assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità Mariagrazia Santoro.

Il progetto, spiegano dal FVG, è promosso in qualità di lead partner dalla Camera di Commercio della Bulgaria e ha l'obiettivo di monitorare e promuovere l'utilizzo delle infrastrutture e dei servizi regionali dedicati alla mobilità sostenibile da parte del segmento senior del turismo, con particolare riferimento all'utilizzo dei servizi offerti dai treni regionali, tra cui il MI.CO.TRA. - Miglioramento dei Collegamenti Transfrontalieri di trasporto pubblico, alla fruizione della rete regionale delle piste ciclabili e all'uso dei servizi marittimi, come la linea dell'aliscafo estivo che collega Trieste all'Istria.

Nello specifico, il Progetto Home si concentra sui flussi turistici nella media e bassa stagione al fine di estendere la stagione turistica e favorire un meccanismo di scambio turistico volontario tra gli Stati membri. Il progetto prevede, tra l'altro, la creazione di una piattaforma turistica internazionale from people to people accessibile alle microimprese o ai singoli individui che forniscono alloggio ai turisti, con la possibilità di aggiornare i loro servizi per offrire un prodotto di viaggio integrato e comprensivo di pernottamento e di intrattenimento, ma soprattutto comodo e coordinato con i sistemi di trasporto sostenibili e multimodali (treno-bicicletta, treno-nave, nave-bicicletta).

Il costo complessivo stimato del progetto è di 238.000 euro, di cui 30.000 come budget assegnato al Friuli Venezia Giulia (75% cofinanziati da fondi europei e il restante 25%, pari a 7.500 euro, con fondi regionali a valere sui Fondi per interventi a finanziamento comunitario, ai sensi dell'articolo 19 della legge regionale 21/2007).