fbpx

Il parco nazionale della Sila inserito nella "tentative list" per riconoscere il sito naturalistico come patrimonio mondiale dell'umanità. Un riconoscimento che completa il percorso di rilancio e promozione, secondo l'Ente Parco


La Calabria candida il Parco della Sila nel patrimonio Unesco. Dopo aver dato vita, lo scorso ottobre, al comitato regionale per promuovere l'iscrizione di siti e patrimoni culturali nella lista dell'Unesco, arriva per il Parco Nazionale l'inserimento nella "World Heritage List" dell'organizzazione internazionale.
"L'iniziativa di inserire il Parco della Sila nella 'tentative list' dell'Unesco affinché il sito naturalistico venga riconosciuto come Patrimonio Mondiale dell'Umanità, rappresenta certamente un grande motivo di orgoglio per l'intera Calabria, ma soprattutto una importante opportunità" ha affermato il vice presidente dell'Ente Parco, Wanda Ferro, che in un comunicato ufficiale della Provincia di Catanzaro spiega che l'inserimento del Parco nella lista "consentirà di completare in maniera straordinaria l'importante progetto di rilancio e di promozione del Parco avviato con la presidente Sonia Ferrari, attirando tantissimi turisti, escursionisti e amanti della natura, non soltanto verso i 'Giganti della Sila' e le meraviglie dell'altopiano silano, ma verso quel grande patrimonio naturalistico e paesaggistico rappresentato dalla Calabria nella sua interezza, dal Pollino all'Aspromonte, e che ancora oggi è poco conosciuto nei circuiti internazionali".
"Va in questa direzione, tra l'altro, la rassegna di mostre ed eventi 'Il respiro della Sila', che sarà inaugurata il prossimo 12 aprile presso il Centro Studi Cappella Orsini a Roma. L'iniziativa, organizzata dall'Ente Parco, punta a raccontare i misteri, le tipicità e le eccellenze di un parco che ospita la foresta più grande del Mediterraneo e che può rappresentare un grande attrattore turistico per tutta la regione" ha aggiunto Ferro.
Per concretizzare il progetto di far riconoscere il Parco della Sila come Patrimonio Mondiale dell'Umanità, iniziativa che ha già riscosso il plauso e la piena condivisione del ministro dell'Ambiente Corrado Clini, secondo la vicepresidente dell'Ente parco silano "servirà grande coesione istituzionale e un lavoro sinergico che dovrà coinvolgere gli enti a tutti i livelli, a partire dalla Regione Calabria che, con il presidente Scopelliti, dimostra grande attenzione e sensibilità rispetto ai temi della tutela dell'ambiente e della valorizzazione turistica delle straordinarie risorse della nostra terra".

 

LEGGI ANCHE: Turismo e beni culturali, la Calabria istituisce il Comitato Unesco