fbpx

+23% di arrivi dalla Cina, in cima alle preferenze degli americani: secondo un'indagine dell'Enit, il nostro Paese si prepara a una calda estate nel turismo internazionale


È proprio il caso di parlare di "estate calda" in casa Enit. L'Agenzia nazionale del turismo, dopo la nomina di Evelina Christillin come nuovo direttore generale e dopo l'inserimento nel cda di Fabio Maria Lazzerini e Antonio Preiti, ha diffuso i dati sull'incoming previsto in Italia per l'estate 2015.
L'indagine dell'ENIT sulle previsioni di vendita per la stagione turistica estiva è stata condotta presso i principali Tour Operator presenti nei mercati esteri in cui opera. Secondo lo studio, il nostro Paese si conferma, anche grazie ad Expo, una meta desiderata, ma anche frequentata, in particolare dagli ospiti provenienti dai mercati europei, secondo il 66% dei Tour Operator intervistati dall'ENIT e il 57,6% di quelli oltreoceano.
Una tendenza positiva che, sottolineano dall'Enit, trova conferma nei dati provvisori dell'Istat, che per il primo trimestre 2015 registra un +5,3% sia degli arrivi che un +3,7% delle presenze, e dalla spesa dei viaggiatori che, sempre nei primi tre mesi di quest'anno, segna un +5,2%. L'incremento sale all'8,6% se si considera solo il motivo di vacanza, secondo la Banca d'Italia.
L'Enit segnala un aumento del 3% circa dell'incoming dalla Germania e dal Regno Unito, un buon andamento dalla Francia, dalla Spagna e dall'Austria, mentre in Svizzera e in Olanda tutti gli indicatori propendono per la stabilità. In Russia, dopo anni di crescita, le tensioni politiche internazionali e la crisi del rublo iniziano ad esercitare un'influenza negativa sul turismo diretto verso l'Italia. Per l'estate, i principali TO russi contattati registrano una diminuzione delle vendite che dovrebbe aggirarsi intorno al 30% circa rispetto all'anno scorso. A causa della contrazione della domanda, gli operatori russi hanno ridotto sia il numero dei voli che la loro frequenza dalle città interne della Russia, concentrandoli nei due aeroporti principali di Mosca e San Pietroburgo.
Per quanto riguarda il mercato americano, dall'indagine condotta è emerso che la stagione estiva darà risultati positivi con incrementi delle vendite di pacchetti turistici compresi tra il 10 e il 15% rispetto allo stesso periodo del 2014. A detta dei Tour Operator contattati e di altri operatori incontrati in occasione della giornata "Europe Rediscovered" (promozione Paesi europei che fanno parte della European Travel Commission-ETC), l'Italia si pone come leader sia nelle attese del desiderio di un viaggio che nell'aumento delle prenotazioni per la stagione estiva.
Un vero boom si registra nel movimento turistico dalla Cina verso l'Italia, con un +23% di incrementi di vendite stimate da parte dei TO cinesi che conferma l'Italia come una delle destinazioni europee più popolari (seconda solo alla Francia), favorita anche dai nuovi collegamenti aerei e da un iter più veloce per l'ottenimento dei visti turistici. Per quanto riguarda l'incoming dal Giappone (dove lo yen debole sta favorendo i flussi in entrata) le vendite risultano stabili; in aumento del 5% circa dall'Australia, con possibili picchi registrabili nei mesi di giugno e settembre, che risultano i mesi preferiti da questi ospiti per venire in Italia. Stabile, infine, il trend dal Brasile.

LEGGI ANCHE: L'Enit ottimista per il secondo semestre

Enit, calano i finanziamenti ma migliorano i bilanci

Estate 2015, un arcobaleno di fiducia dalla costa della Toscana