fbpx

“CHALLENGES OF CULTURAL TOURISM IN THE EUROPEAN ISLANDS” è il titolo del corso che si terrà a Malta e Gozo dal 31 luglio al 6 agosto 2016. Alla base di questo corso, l’obiettivo generale è quello di fornire contenuti scientifici e tecnici per formare i futuri esperti sul turismo culturale isolano

L’OSSERVATORIO sul TURISMO delle ISOLE EUROPEE – OTIE nasce a Palermo, dove si trova la sede centrale, il 2 febbraio del 2007 come associazione no profit, costituita da enti pubblici, Università, Centri di ricerca e altre organizzazioni internazionali di 7 Paesi europei. Giovanni Ruggieri, professore in Economia del Turismo presso l’Università di Palermo, è il presidente a partire dal 2007, presidente di OTIE Comitato Scientifico e membro della Tourism Authority Palermo.
La Summer School, giunta alla 5ª edizione, ha come obiettivo anche quello di organizzare seminari e corsi di formazione, dando l’occasione ai partecipanti di conoscere il settore del turismo e di applicare le loro conoscenze nella pianificazione dello sviluppo. Una sfida, dunque, che vede impegnati docenti universitari ed esperti di turismo culturale che forniscono gli strumenti e le conoscenze per affrontare le sfide culturali. Il faro è puntato sulle modalità di azione che, valorizzando le attrazioni culturali, possono contribuire allo sviluppo del turismo culturale nei territori insulari. Inoltre, sono impegnati diversi professionisti del settore che creano importanti reti di collaborazioni per la promozione e la progettazione, attraverso il comitato promotore dell’OTIE Summer School del quale fa parte il prof. Filippo Grasso dell’Università degli Studi di Messina, esperto del settore, da sempre impegnato nelle attività di ricerca nel campo delle discipline statistiche-economiche, nei settori socio-economico dei territori, con particolare attenzione alle problematiche relative ai fenomeni delle politiche turistiche territoriali, affiancato da un valido staff organizzativo.
Il programma provvisorio per la 5ª edizione prevede 20 ore di lezioni tematiche sul turismo, tenute da esperti internazionali, lezioni sul campo nei siti UNESCO, attività esterne e momenti di condivisione con partecipanti da tutta Europa.
Nel comunicato stampa della Summer School si sottolinea che “il corso ha già ottenuto importanti riconoscimenti da parte dell’Unione delle Camere di Commercio Italiane a Bruxelles, il Network delle Camere di Commercio delle Isole dell’Unione Europea, la Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia, il Network del Turismo Accessibile ed altre organizzazioni europee”.
Il corso (con un limitato numero di posti) sarà ospitato presso l’Istituto degli Studi sul Turismo a Qala dove sono presenti 3 campus, due a Malta e uno a Gozo (www.qala.gov.mt) che daranno la possibilità, a chi sceglierà la formula FEE con alloggio, di pernottare in una delle camere del campus (Qala).
Alla fine del corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione, che darà anche la possibilità agli studenti universitari di ricevere fino a 4 CFU.
Tutte le informazioni sono disponibili su www.otiesummerschool.com

 

giuseppe cara 180x226Giuseppe Cara

Twitter @giuseppe_cara

Dottore in Programmazione e promozione turistica, laureatosi presso l'Università degli Studi di Messina

 

LEGGI ANCHE: Il turismo come medium per i "prosumers": l'esempio elbano alla Social Media Week

La Toscana per il rilancio del Giglio punta su un'isola smart e verde

Meno pesca più turismo: la svolta delle piccole isole del mondo

Una Summer School per promuovere il Parco Nazionale della Sila