fbpx

Previsto un ricco calendario di manifestazioni: al centro ambiente, cultura, enogastronomia

Ha preso il via il ciclo di attività che caratterizzeranno “Tolmezzo Città Alpina dell’Anno 2017”, riconoscimento che ogni anno viene conferito alle città dello spazio alpino che si distinguono per lo sviluppo sostenibile e per l’impegno nell’attuazione della Convenzione delle Alpi, trattato internazionale sottoscritto nel 1991 dagli otto Paesi alpini (Austria, Francia, Germania, Italia, Liechtenstein, Principato di Monaco, Slovenia e Svizzera nonché dalla Comunità Europea) che ha come obiettivo una politica comune per tutto l’arco alpino.

Il titolo di Città Alpina è assegnato annualmente dall'Assemblea dei soci dell'associazione omonima. Tutte le città comprese all'interno del perimetro della Convenzione delle Alpi possono candidarsi al titolo. La città carnica ha ricevuto il testimone lo scorso 28 aprile dalla slovena Tolmino, Città Alpina per il 2016, ma prima ancora altre rinomate località alpine come Chamonix (CH), Annecy (F) e Maribor (SLO) hanno potuto fregiarsi del riconoscimento.

Per l’anno in cui è detentrice del titolo, Tolmezzo ha predisposto un programma di interventi e di manifestazioni che si dipana principalmente in quattro direzioni (ambiente, cultura, sport ed enogastronomia) con importanti implicazioni turistiche.
La principale sfida in campo ambientale è la riqualificazione di un importante spazio urbano come Palazzo Linussio, dismesso come caserma Cantore, per il quale è previsto un futuro con finalità culturali, produttive o turistiche. Un secondo ambito riguarda la riqualificazione di una zona del Fiume Tagliamento, attualmente oggetto di degrado. Il progetto è denominato Golena Blu e coinvolge studenti di tutta la regione in una sorta di laboratorio all’aria aperta. Ancora gli studenti sono coinvolti nel progetto Scuola in quota che mira a garantire un futuro all’amore per la montagna. Scolaresche di pianura e di città andranno a lezione in malghe e rifugi con guide naturalistiche. L’obiettivo è creare nuovi ambasciatori della montagna.

Al centro di Tolmezzo Città Alpina dell’Anno 2017 c’è anche un grande lavoro di manutenzione e di sistemazione della segnaletica dei sentieri alpini, una rete che sarà mappata capillarmente e costituirà la base per la pubblicazione di un libro-guida fondamentale per la pratica del trekking. Intanto, il 4 giugno, la cittadina carnica ha riunito i gestori di rifugio di Assorifugi: un’occasione per collegare idealmente e concretamente fondovalle e quota.

Sul versante culturale il programma prevede nuovi allestimenti al Museo Carnico delle Arti Popolari “Michele Gortani” di Tolmezzo, per valorizzare l’ampia collezione etnografica esposta, chiave d'accesso per comprendere la Carnia, mentre fino al 22 giugno si terrà Cattedre Ambulanti, ciclo di otto appuntamenti in vari Comuni della Carnia per approfondire la conoscenza su orsi, piante officinali, biodiversità, coltivazione di piccoli frutti. A ottobre sarà la volta di Leggimontagna, il Premio di letteratura di montagna istituito nel 2002 dall’Asca, associazione che coinvolge diverse realtà culturali della Carnia, e che per il 2017 ospiterà lo scrittore Erri de Luca. I primi giorni di dicembre Tolmezzo ospiterà il Premio Cortomontagna, una sezione di Leggimontagna dedicata esclusivamente ai cortometraggi, che ha come tema “Montagna dal vivo” e mira alla creazione di un video che esprima e racconti come l’autore vive e interagisce con l’ambiente montano, dal punto di vista che più lo rappresenta; in questo caso l’ospite d’eccezione sarà il direttore della fotografia Dante Spinotti, nativo di Tolmezzo.

Tutte le iniziative di Tolmezzo Città Alpina dell’Anno 2017 si intrecciano con feste, sagre ed eventi ormai consolidati da anni nel palinsesto delle manifestazioni carniche e che quest’anno assumeranno una valenza internazionale, come Gusto Carnia, che fino al 26 settembre in 6 incontri vedrà impegnati i cuochi delle città alpine estere, per scambi di sapori e tecniche di cucina. Il Filo dei Sapori delle Alpi è la mostra mercato dei prodotti di qualità della Carnia, che ospiterà per la prima volta anche quelli delle città alpine straniere, con l’obiettivo di diventare un mini Expo dell’agroalimentare di montagna. E ancora la Festa della Mela a settembre, il 12 agosto la camminata Tolmezzo-Monte Coglians, vetta più alta della regione, mentre il 19 agosto il Concerto delle Alpi porterà a Tolmezzo la prestigiosa Gustav Mahler Jugendorchester.