fbpx

Imprese e operatori del turismo potranno farsi finanziare il 50% dei progetti per far diventare i distributori punti di informazione sulle attrattività del territorio. La Regione punta così a sfruttare i flussi per Expo: "Si usa chiedere informazioni al benzinaio, noi andiamo oltre con un'operazione di marketing territoriale integrato" spiega l'assessore a Commercio, Turismo e Terziario


Dalla Lombardia mezzo milione di euro che servirà per far diventare i benzinai del territorio regionale dei punti di informazione turistica che sfruttino i flussi di visitatori attesi per Expo. Su proposta dell'assessore al Turismo e Mauro Parolini, in linea con le linee d'intervento previste dalla riforma del settore, la Giunta di Regione Lombardia ha stanziato 500.000 euro per consentire ai distributori di carburante di diventare veri e propri info point turistici in vista dell'Esposizione universale che apre a maggio e termina a ottobre.
Lo stesso Parolini ha definito l'iniziativa "un'operazione di marketing territoriale integrato attraverso un servizio di informazioni turistiche innovativo che assume particolare rilevanza anche in previsione dei notevoli flussi di visitatori attesi dallo svolgimento di Expo 2015". Approvati dunque dall'esecutivo regionale i criteri di attuazione del bando per la selezione di progetti finalizzati alla promozione del territorio con la rete dei distributori di carburanti.
La misura, spiega la nota ufficiale, si rivolge agli addetti del settore, singoli o associati, e a imprese in partnership con reti di operatori per supportare l'ideazione di progetti di informazione e promozione con particolare riferimento a turismo e commercio di prossimità. Le migliori idee saranno poi articolate nei punti vendita attraverso la predisposizione di spazi dedicati, come chioschi e corner tematici, la fornitura di elementi quali arredi e totem, la formazione del personale, l'elaborazione di materiale promozionale cartaceo e digitale e altre attività per incentivare la conoscenza e la fruizione del territorio.
"In molti Paesi esteri chiedere informazioni al benzinaio è una consuetudine consolidata, noi abbiamo voluto fare di più proponendo ai gestori un sostegno concreto per diventare un punto di riferimento per automobilisti e clienti e di aggiungere alle loro mansioni una nuova funzione che, per la capillarità della rete e l'ampiezza del target, costituirà uno strumento di informazione turistica e promozione dell'attrattività della Lombardia molto efficace" ha spiegato ancora Parolini. L'assessore lombardo ha sottolineato che "la Consulta regionale carburanti ha espresso disponibilità al coinvolgimento degli operatori della rete e questo dimostra da parte loro grande dinamismo e lungimiranza nel cogliere un'opportunità che può rappresentare anche un'interessante occasione di rilancio e riposizionamento dei punti vendita stessi".
Le risorse, chiarisce la nota, saranno trasferite a Unioncamere Lombardia in qualità di soggetto attuatore della misura. I progetti selezionati saranno cofinanziati con un contributo fino al 50% delle azioni proposte, calcolato sulle spese rendicontate e fino ad un massimo di 250.000 euro.

 

LEGGI ANCHE: Lombardia, la riforma del turismo vale 25 milioni di euro

La bellezza dell’Italia in vetrina sulle autostrade

La Toscana rinnova il bando per valorizzare le ferrovie minori

 

Fonte foto: osteriacimbriolo.it