fbpx

Il bando di Roma Capitale sostiene le iniziative imprenditoriali della Città Eterna, per una rigenerazione urbana e sociale delle aree più svantaggiate

Le piccole imprese sono l’anima dei territori, permettono infatti di far crescere l’economia e l’occupazione, migliorando di fatto il tessuto sociale. A Roma, al fine di incentivare l’imprenditoria locale è stato emanato un bando da 820 mila euro, dedicato alla micro e piccole imprese che forniscono servizi o creano beni “made in Roma”.

L’iniziativa ha l’obiettivo di favorire la nascita di startup e nuove imprese e di potenziare quelle già esistenti, in particolar modo nelle aree periferiche della città. 500 mila euro sono destinati alle imprese che devono ancora essere costituite, mentre 320 mila euro sono a disposizione di imprese già presenti, la cui sede deve essere situata in una delle 64 aree della città a rischio disagio (elencate nel bando). Ogni impresa può ottenere un finanziamento del valore massimo di 40 mila euro, entro la metà del costo complessivo del piano degli investimenti presentato. Attraverso queste sovvenzioni sarà possibile acquistare beni materiali e immateriali a utilità pluriennale come studi di fattibilità, progettazioni esecutive, acquisto brevetti, registrazione del marchio, realizzazione del sito web aziendale, sistemi e certificazioni di qualità ambientali, ricerca e sviluppo. Saranno sostenute anche le spese di ristrutturazione e ammodernamento dei locali, per i sistemi informativi integrati per l’automazione, per gli impianti automatizzati o robotizzati, per i software di messa in sicurezza. In particolare verranno finanziati specifici investimenti volti allo smaltimento e riciclaggio dei rifiuti e alla riduzione dei consumi energetici e idrici. Molta attenzione sarà data ai progetti che includono persone svantaggiate e disoccupate.

L’importanza di questo provvedimento risiede nel suo obiettivo di rigenerazione urbana e sociale attraverso la valorizzazione del suo tessuto produttivo, le micro e piccole imprese, contrastando la disoccupazione e rendendo i beni e i servizi “Made in Roma” competitivi sui mercati esteri e attrattivi per grandi capitali.

Si può consultare il bando sul sito del Comune di Roma a questo link