fbpx

L’intervento nasce da un protocollo d’intesa tra il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero dell’Economia e Finanze e la Regione Molise

Rivitalizzare i piccoli borghi, farli crescere e renderli il cuore pulsante del Belpaese: se ne parla spesso in questi ultimi anni e le iniziative messe in campo per ripopolare questi gioielli (in special modo nelle aree interne) sono tante e spesso fantasiose.

In Molise, per attrarre residenti nei Comuni con meno di duemila abitanti, è stato emanato un avviso pubblico denominato “Reddito di residenza attiva - Fondo a favore di soggetti che vanno a risiedere nei Comuni con popolazione fino a 2000 abitanti”. Questo provvedimento è rivolto a coloro che intendono trasferire la propria residenza in uno dei piccoli Comuni molisani e che vogliano avviare un’attività imprenditoriale o recuperare beni immobili appartenenti al patrimonio storico-culturale anche solo a fini abitativi.

Si mira dunque a ripopolare questi territori, agevolandone la vivacità economica e rigenerando il tessuto urbano. Per l’anno 2019 sono stati stanziati 488.510,49 euro, ciascun beneficiario dell’iniziativa percepirà 8 mila euro annui per tre anni, per un totale di 24 mila euro. Le domande potranno essere presentate entro il 30 novembre 2019 e saranno valutate in base a una serie di criteri come la coerenza tra l’iniziativa proposta e il territorio in cui si vuole insediarla, il grado di sostenibilità futura del progetto, i tempi di realizzazione, il numero di persone coinvolte e l’eventuale recupero di un immobile al fine di realizzare l’iniziativa.

Cosa bisogna fare per partecipare al bando? È necessario essere maggiorenni e trasferire la residenza entro 90 giorni dalla comunicazione di accoglimento della domanda presentata. Tra i requisiti richiesti c’è anche la provenienza da un altro Comune italiano con popolazione superiore ai 2000 abitanti oppure provenire da un’altra nazione. Il Molise si prepara ad accogliere dunque nuovi residenti, intenzionati a investire nel territorio e farlo crescere, rendendo i piccoli borghi più attrattivi e vivaci, dal punto di vista sociale ed economico. Per maggiori informazioni è possibile consultare il bando integrale a questo link.