fbpx
Genova panorama foto di Andrea Da Campo

E con il Gruppo Onorato Armatori parte una mini crociera dedicata ad agenti e tour operator. L’iniziativa di marketing territoriale

Il crollo del Ponte Morandi del 14 agosto 2018 è stato un evento drammatico per Genova e la Liguria, ma città e regione non sono isolate e i turisti di tutto il mondo devono saperlo: per questo il Comune di Genova, insieme alla Regione Liguria e con il supporto di un privato come il Gruppo Onorato Armatori, ha lanciato una campagna di marketing territoriale, con annessa breve crociera, per smentire le “fake news” che, sui social network ma non solo, vorrebbero il territorio ligure irraggiungibile e isolato.

Così, nei giorni scorsi, il sindaco di Genova Marco Bucci e il vicepresidente e responsabile commerciale del Gruppo Onorato Armatori, Alessandro Onorato, insieme agli assessori al marketing e al turismo di Comune e Regione Liguria, hanno presentato una capillare operazione di marketing territoriale finalizzata a dare l’immagine di una Genova e di una Regione facilmente raggiungibili, che registrano incrementi record nel mercato turistico, anche sulla base di una strategia condivisa di destagionalizzazione e di valorizzazione del territorio.

Il gruppo Onorato si è reso disponibile facendosi parte diligente per sensibilizzare tutti gli agenti di viaggio suoi partner nei mercati di riferimento su Genova – Lombardia, Piemonte, Francia, Svizzera, Austria e Germania – lanciando il messaggio “Genova città aperta”.

Dopo l’incontro tra i vertici istituzionali del 10 maggio, dal porto di Genova è partita una nave del gruppo Onorato diretta in Corsica che ospiterà a bordo decine di rappresentanti di alcuni fra i più importanti tour operator e agenti di viaggio del nord Italia e dei Paesi europei che idealmente gravitano su Genova.
“Genova non è un’isola collegata da un ponte. Genova – sottolinea Marco Bucci, sindaco di Genova – è sempre stata raggiungibile in ogni modo: via mare, aereo, treno, macchina e moto. Sin dai primi giorni successivi al crollo di ponte Morandi abbiamo messo in atto diverse soluzioni per riuscire a migliorare al massimo la viabilità in città. La realizzazione della Gronda a mare, che collega il casello di Genova Aeroporto con quello di Genova Ovest affacciandosi sul Terminal traghetti, è una delle soluzioni che permetteranno a tutti gli utenti del nostro porto di poter viaggiare senza criticità. Il nostro ringraziamento va alla famiglia Onorato, a Moby e a Tirrenia, per il grande impegno dimostrato in questi mesi a sostegno del nostro porto e della nostra città”.

“Un'operazione capillare che ha avuto un grande successo, anche commerciale – spiega Alessandro Onorato, vicepresidente del gruppo e responsabile commerciale – e che si conclude con la partenza di una minicrociera per la Corsica espressamente dedicata agli agenti di viaggio che hanno aderito con entusiasmo dal Nord Ovest e dai nostri mercati europei di riferimento. Sarà per loro l'occasione di toccare con mano il messaggio di cui sono stati testimoni e cioè che Genova è regolarmente raggiungibile e che la città è il trampolino che attraverso le nostre navi consente di raggiungere alcune fra le più straordinarie località turistiche del Mediterraneo; e da Genova, è il caso di ricordarlo, operano sette navi nel periodo di maggiore afflusso turistico”.