fbpx

Ripartiti sulle quattro ex Unioni di prodotto, 2,6 milioni di euro della Regione ne muoveranno altri 10 di investimenti

La Giunta regionale dell’Emilia-Romagna ha approvato la graduatoria delle imprese che beneficeranno dei contributi del piano di cofinanziamento per la promo-commercializzazione turistica. Si tratta di poco meno di 2 milioni e 600 mila euro, ripartiti su 75 progetti approvati, in grado di generare investimenti per circa 10 milioni di euro. Destinatari dei finanziamenti sono imprese che rientrano nelle quattro ex Unioni di prodotto regionali. Le spese potranno essere sostenute per la partecipazione a fiere, borse, workshop, altri eventi a scopo promozionale, spese per promoter.

Dei 75 progetti approvati, sono 9 quelli dell’Unione di prodotto Appennino e verde che interessano le province di Ravenna, Modena, Ferrara, Forlì-Cesena, Parma e che godranno di un cofinanziamento pari a quasi 258 mila euro su un totale complessivo di 1 milione e 80mila euro. L’Unione di prodotto delle Città d’arte, cultura e affari vede 17 progetti cofinanziati con oltre 608 mila euro su un totale complessivo di più di 2 milioni e 665mila euro. Interessate le province di Rimini, Ravenna, Forlì-Cesena, Ferrara, Parma, Modena e Bologna.

Sono invece 34 i progetti dell’Unione di prodotto Costa che interessano le province di Ferrara, Rimini, Ravenna e Forlì-Cesena e che riceveranno un cofinanziamento regionale di oltre 1 milione e 257mila euro su un totale complessivo di più di 5 milioni 552mila euro.

Di contributi per circa 476 mila euro godrà infine l’Unione di prodotto Terme, salute e benessere, cui sono interessate le province di Forlì-Cesena, Modena, Bologna, Ravenna, Parma e Rimini. Si tratta di 15 interventi per migliorare la viabilità, riqualificare le aree pubbliche destinate allo svago o al turismo o per acquistare e restaurare immobili da destinare a servizi pubblici.

Soddisfatto l'assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini, che commenta: “Con questi 75 progetti diamo la possibilità alle ex Unioni di prodotto di vedere realizzate attività capaci di muovere risorse per oltre 10 milioni di euro. Il tutto nell'attesa di legare la promozione dei migliori prodotti della nostra regione al territorio grazie alle nuove Destinazioni turistiche”.