fbpx

I dati del turismo internazionale del cibo sono in forte crescita e i territori di quattro province lombarde si attrezzano per attirare nuovi visitatori con le molte eccellenze enogastronomiche

Si chiama East Lombardy il nuovo brand delle eccellenze del cibo e del vino, della cultura e dell’ambiente, che nel 2017 metterà al centro dell’attenzione internazionale il territorio delle province di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova. Queste quattro città hanno deciso di fare rete e presentare sugli scenari turistici un nuovo territorio di oltre 3 milioni di abitanti caratterizzato dall’elemento ‘food’.
Il progetto parte dalla considerazione che, secondo la World Food Travel Association, il 49% dei turisti di tutto il mondo è motivato, nelle sue scelte di viaggio, dalle esperienze del cibo, del vino e della birra. In Italia in realtà questo fattore pesa soltanto il 21%.
La Lombardia orientale è un territorio ricco di prodotti enogastronomici: annovera 16 Dop, 9 Igp, 125 Pat (Prodotti agroalimentari tradizionali), mentre nella produzione vitivinicola si contano 2 Docg, 13 Doc e 10 Igt. Ma non è tutto, perché nella medesima area sono presenti ben 22 ristoranti stellati. Come obiettivo East Lombardy punta ad allinearsi alle principali mete turistiche enogastronomiche europee, come la Catalunya in Spagna, l’Emilia e le Langhe-Roero-Monferrato in Piemonte.
Tra i promotori, il progetto annovera 10 partner: l’Università di Bergamo, la Regione Lombardia, i quattro Comuni capoluogo, le quattro Camere di commercio. Insieme hanno coinvolto 80 stakeholder locali, tra cui associazioni di categoria, Consorzi, enti locali, Strade del vino e dei sapori. L'adesione è stata aperta anche ad alberghi, ristoranti, agenzie di viaggio, produttori che devono rispettare principi e requisiti come la sostenibilità, la valorizzazione dei prodotti del territorio, l'integrazione a rete dell'offerta. Le aspettative sul brand East Lombardy sono elevate. Si vuole innanzitutto riposizionare l’immagine del territorio e delle città, incrementare l’offerta culturale, aumentare gli eventi organizzati nel corso dell’anno che dovrebbero portare importanti ricadute economiche e sociali.
Intanto East Lombardy, con altre regione europee - Marsiglia-Provenza (Francia), Lombardia (Italia), Riga-Gauja (Lettonia), North East Brabant (Paesi Bassi), Minho (Portogallo), Aarhus (Danimarca), Catalogna (Spagna), Malta e Sibiu-Transilvania (Romania) - ha dato vita a una piattaforma internazionale con l’intento di favorire l’integrazione tra cultura, turismo e gastronomia, per valorizzare le culture alimentari locali che rischiano di essere oscurate dall’internazionalizzazione e dalla crescente interconnessione del mercato mondiale.