fbpx

La città ligure lancia "P.E.R.CO.R.S.I.": oltre 100.000 euro per le idee, i progetti e le start up di giovani 16-35 sull'innovazione e lo sviluppo del turismo sostenibile nel territorio locale

La Spezia affida il futuro del turismo, in particolare quello sostenibile, ai giovani, alle loro idee e ai loro "percorsi". È stato presentato ieri nel municipio ligure l'avvio del progetto "P.E.R.CO.R.S.I." acronimo che sta per "Progettare Esperienze e Risorse Culturali ORientate a Sviluppare Innovazione", finanziato nell'ambito del Programma di Azione "MeetYoungCities: Social innovation e partecipazione per i giovani dei Comuni italiani", promosso da Agenzia Nazionale per i Giovani (ANG), Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) e Fondazione Istituto per la Finanza Locale (IFEL), volto a finanziare iniziative progettuali promosse da partenariati aventi quale soggetto capofila un Comune iscritto all'Osservatorio ANCI sulla Smart City. Come appunto il Comune della Spezia che, in qualità di città aderente all'Osservatorio, ha approvato la partecipazione all'avviso realizzando, in particolare insieme al CNR, la progettazione di dettaglio del progetto "P.E.R.C.OR.S.I." .
Il progetto, spiegano dal Comune spezzino, è volto a realizzare un percorso di progettazione partecipata dello sviluppo turistico e imprenditoriale del territorio comunale e dei dintorni attraverso il coinvolgimento di giovani che, anche tramite un "processo" condiviso anche con amministratori e stakeholder territoriali locali, possono ideare azioni, percorsi di sviluppo, idee d'impresa e cooperazione sul tema del turismo sostenibile. "P.E.R.C.OR.S.I.", infatti, ha lo scopo di promuovere l'attività di un "laboratorio aperto" permanente, espressione della comunità locale che individui nei giovani gli "ideatori" e i promotori dello sviluppo del territorio, in particolare nell'ambito della valorizzazione territoriale, con particolare attenzione al settore del turismo e della cultura.
I beneficiari saranno giovani tra i 16 e 35 anni che saranno protagonisti di attività di formazione e co-progettazione volte a condividere i valori di un'economia solidale e sostenibile, promuovere la progettazione e programmazione turistica del territorio, favorire la nascita di nuovi percorsi imprenditoriali giovanili (start up di idee, finanziati con fondi di progetto) e creare nuove opportunità di lavoro.
Il progetto, che terminerà a giugno 2016, si articola in tre fasi: la prima fase si rivolge a 120 giovani tra i 16 e i 35 anni che parteciperanno a gruppi di lavoro chiamati a esprimere idee innovative d'impresa nell'ambito della valorizzazione territoriale con particolare attenzione al settore del turismo e della cultura che verranno presentate agli attori e alle reti economico – sociali sostenitrici del progetto e anche ad altre reti economico sociali della provincia, che potranno così contribuire alla loro ideazione. La raccolta delle candidature dei 120 ragazzi avverrà attraverso apposito bando aperto a tutti. La seconda fase vedrà una selezione delle migliori idee proposte dai gruppi e la costituzione di tavoli di lavoro specifici per la progettazione di dettaglio delle idee d'impresa selezionate nella fase precedente.
La terza fase sarà caratterizzata dall'opportunità che verrà riconosciuta alle migliori idee progettuali (massimo 5 idee) di ottenere un finanziamento a fondo perduto per l'ulteriore stadio di fattibilità ed avviamento. Infatti, a favore delle 5 migliori start-up che verranno selezionate, "P.E.R.C.OR.S.I." mette a disposizione un importo complessivo di 25.000 euro. I vincitori potranno inoltre usufruire di un periodo di assistenza nel supporto alle procedure di avvio di impresa o di attività, ricerca di altri finanziamenti ed eventuale accessi a strumenti di sostegno e garanzia.
A livello nazionale, tra le 91 proposte progettuali che sono state presentate, solo 10 sono state approvate ed il progetto "P.E.R.C.OR.S.I.", con un punteggio di 84/100, è stato ammesso al cofinanziamento nazionale per 116.248,14 euro, il secondo per importo finanziato. Il partenariato di progetto è composto da: Comune della Spezia (Capofila), La Spezia EPS, CNR, Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore EINAUDI-CHIODO, Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani – AGESCI, Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiani – CNGEI, Associazione di Promozione Sociale YEPP Italia. Aderiscono in rete esterna anche altri Enti/Associazioni quali, Programma di intervento a contrasto delle diseguaglianze e delle povertà, Slow Food e Associazione Mediterraneo.
Per maggiori informazioni: http://www.comune.laspezia.it/Comunichiamo/UfficioStampa/news/news_5690.html?uri=/index.html

 

LEGGI ANCHE: Giovani e territorio, dall' Anci 1,8 milioni di euro agli under 35

"Grosseto partecipa", il Comune chiede ai cittadini come investire 400.000 euro nel turismo

Toscana, 4 milioni a giovani e artigiani per la formazione sul territorio

Giovani, investimenti, Sud: la cultura come cura per il sistema Italia

 

Fonte foto Wikipedia