fbpx

Un corso di formazione sul turismo gay friendly dedicato a receptionist, personale di sala, barman, addetti alle stanze e ai dipendenti a contatto con il pubblico di turisti che scelgono la Puglia
Da domani, a Tenuta Monacelle a Selva di Fasano (provincia di Brindisi), prende il via il corso di formazione sul turismo glbt in Puglia, ideato e progettato dall'associazione Partifriendly e presentato da Federterziario Bari e Studio Schena al fondo interprofessionale Fonditalia che lo ha finanziato.
Secondo alcune stime, il turismo gay friendly in Italia ha un valore che oscilla tra i 2,7 e i 3,2 miliardi di euro l'anno (il 7% del totale), mentre a livello globale il giro d'affari è addirittura di 165 miliardi di euro. Nel nostro Paese, in particolare, la Puglia è una delle mete più apprezzate da questo importante segmento di mercato. Il corso durerà 30 ore, e le lezioni saranno svolte da Alessandro Taurino, docente del Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia e Comunicazione, dell'Università di Bari.
Durante le lezioni, spiega la Gazzetta del Mezzogiorno, il personale "scoprirà come è possibile trasformare la dimensione friendly in prassi operative e concrete di comportamento, azione, modelli di interazione ed intervento, in modo da accogliere senza imbarazzi o gaffe i turisti stranieri e non, che si trovano in Puglia, magari in viaggio di nozze, dato che in molti paesi europei il matrimonio omosessuale è una realtà".

 

Prenderà il via venerdì prossimo, presso Tenuta Monacelle a Selva di Fasano (Brindisi) un corso di formazione sul turismo gay friendly in Puglia. Il corso è ideato e progettato dall'associazione Partifriendly (www.partifriendly.com) ed è stato presentato da Federterziario Bari e Studio Schena al fondo interprofessionale Fonditalia (www.fonditalia.org) che lo ha finanziato.

 

(Continua a leggere sulla Gazzetta del Mezzogiorno)

LEGGI ANCHE: Le nuove frontiere del turismo gay friendly

Turismo gay, 3 miliardi di euro per un settore in crescita

Turismo lgbt, per l'Italia giro d'affari da quasi 3 miliardi di euro

La Sardegna punta sul turismo gay friendly