fbpx
Totò in Miseria e Nobiltà

"In Olanda si mangia meglio che in Italia, dice report Oxfam" titolava ieri un lancio dell'Ansa. In un primo momento, è inutile negarlo, abbiamo pensato a un errore. Qualcuno ha pensato ai postumi di un tour dei coffe shop di Amsterdam, qualcun altro si è chiesto "Ma qualcuno ha mai visto un ristorante olandese?".

 

Insomma, gli italiani non sono certo un popolo eccessivamente orgoglioso di sé, e le autocritiche e le critiche al nostro Paese sono il pane quotidiano di milioni di connazionali. Ma non toccateci la cucina, su quella – nonostante sushi e kebab ovunque – siamo orgogliosi e permalosi: pizza e pasta sono roba nostra, e la cucina italiana è la migliore del mondo punto e basta.
"Secondo 'Good Enough to Eat Index', indice globale sull'alimentazione che confronta i dati di 125 paesi presentato dall'associazione umanitaria Oxfam, il Paese dei tulipani è al primo posto, l'Italia inaspettatamente all'ottavo, mentre Etiopia, Angola e Ciad chiudono la classifica" scrive l'Ansa. A questo punto, abbiamo deciso di cercare la fonte originale, più per incredulità che per mancanza di fiducia nell'Ansa. Ed eccolo qui il rapporto, anche in italiano:
"L'indice evidenzia come la fame e la scarsa qualità del cibo siano estremamente diffuse in un mondo nel quale, anche nei paesi più sviluppati come l'Italia, è sempre più difficile assicurare equamente l'accesso a cibo sano e nutriente"
Ah, ecco, adesso iniziamo a capire.

 

"La classifica prende in considerazione la qualità degli alimenti, l'accessibilità, la presenza di una dieta salutare e si domanda quanti abbiano a disposizione una quantità di cibo sufficiente. 'Oxfam ha elaborato questo indice per evidenziare i problemi che si affrontano per nutrirsi in modo sano e adeguato nelle più diverse parti del mondo. Il Good Enough to Eat Index dimostra che, a livello globale, nonostante ci sia cibo a sufficienza per tutti, la possibilità di avere cibo salutare a sufficienza e a prezzi abbordabili non è così diffusa nel mondo. C'è ancora molto da fare per garantire che tutti siano in grado di mangiare in modo sano', afferma Winnie Byanyima, Direttrice di Oxfam International. 'Sono povertà e ineguaglianza a nutrire la fame. L'indice dimostra che si soffre la fame dove i governi non sono in grado di attuare politiche efficaci per ridistribuire le risorse, dove il mercato fallisce e le persone non hanno il denaro e le risorse necessarie per acquistare tutti i beni e servizi di cui hanno bisogno', conclude Byanima".

(clicca sull'immagine per ingrandire)

 

top 25 oxfam good enough to eat index

(la classifica completa a questo link)

Ed ecco che, d'incanto, anche il più patriottico dei buongustai italiani deve abbassare la testa. "Un piazzamento deludente per un paese che fa del mangiar bene un tratto forte e distintivo dell'identità nazionale e che ospiterà l'Esposizione Universale di Milano proprio sui temi della sicurezza alimentare", ha spiegato Elisa Bacciotti, direttrice Campagne di Oxfam Italia. "L'Italia potrebbe essere al primo posto, ma nel nostro paese sempre più persone fanno fatica a mangiar sano e far quadrare il bilancio: il costo della vita in generale è alto rispetto al reddito medio degli italiani, che in proporzione spendono di più rispetto ad altri paesi e hanno meno possibilità di acquistare cibo buono a buon mercato".
La classifica, a questo punto, è chiara. E soprattutto, è chiaro il motivo per cui il Paese con la migliore cucina del mondo sta dietro a Olanda, Francia (ahi ahi ahi), Svizzera, Danimarca, Svezia, Austria e Belgio, e si affianca a Irlanda, Portogallo, Lussemburgo e Australia.

mktgEd è altrettanto chiaro quanto da tempo i turisti di tutto il mondo e gli operatori seri dicono rispetto alla ristorazione tradizionale di tutti i giorni, di cui il visitatore medio fruisce: in Italia in costo dei servizi rispetto alla qualità è sproporzionato. Ed il conto finale al ristorante non fa eccezione. Anzi è la regola.

 

Il Direttore

Twitter:
 @mktgterritorio

 

LEGGI ANCHE: Tutelare un patrimonio italiano: il cibo

Marcella Laterza - Dobbiamo aspettarci altri kamikaze della cultura?

 

(Nella foto, Totò in una scena del celebre film "Miseria e Nobiltà". Fonte: http://cinema.sky.it/static/contentimages/original/sezioni/mag/cinema/2012/12/24/miseria_e_nobilta_1694x2821.jpg)