fbpx

Dalla Fabbrica intelligente all’Agenda digitale passando per l’Agrifood e l’Industria sostenibile: incoraggiati gli investimenti da parte del tessuto produttivo italiano

Sono state avviate le procedure per partecipare ai due bandi emanati ai primi di agosto dal Ministero dello Sviluppo Economico, “Fabbrica intelligente, Agrifood, Scienze della vita e Calcolo ad alte prestazioni” e “Agenda digitale e Industria sostenibile”. Le due misure, per cui sono stati stanziati complessivamente 519 milioni di euro, mirano a incentivare progetti di ricerca, sviluppo e innovazione su tutto il territorio nazionale.

“Fabbrica intelligente, Agrifood, Scienze della vita e Calcolo ad alte prestazioni” (link) finanzia progetti di ricerca e sviluppo nelle citate aree tecnologiche con costi ammissibili compresi tra 5 e 40 milioni di euro. L’iniziativa si rivolge alle imprese che svolgono attività industriali, agroindustriali, artigiane e di servizi all’industria, ai centri di ricerca, agli organismi di ricerca e alle imprese agricole. Le risorse stanziate ammontano complessivamente 190 milioni di euro – 72 milioni al settore “Fabbrica intelligente”, 42 milioni ad “Agrifood”, 52 milioni a “Scienze della vita” e 24 milioni a “Calcolo ad alte prestazioni” – e parte di esse sono esplicitamente destinate ai territori ex “Obiettivo Convergenza” (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

L’intervento “Agenda digitale e Industria sostenibile” (link), invece, supporta i grandi progetti di ricerca e sviluppo nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione elettroniche per l’attuazione dell’Agenda Digitale Italiana (ADI) e nell’ambito di specifiche tematiche considerate rilevanti per l’industria sostenibile. Per questa iniziativa sono stati destinati 329 milioni di euro complessivi e una quota specifica è riservata ai progetti riguardanti l’economia circolare.

Per la progettazione di queste misure agevolative il Ministero dello Sviluppo Economico ha beneficiato del supporto di Invitalia, che ha curato la redazione delle previsioni normative e regolamentari che disciplinano i bandi. Per gestione dell’incentivo è stato invece istituito un raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) composto da banche e dal CNR - Consiglio Nazionale per le Ricerche e di cui è capofila Mediocredito Centrale, una controllata di Invitalia.
Gli sportelli per la presentazione dei progetti apriranno nel mese di novembre, nello specifico martedì 12 per il bando “Fabbrica intelligente, Agrifood, Scienze della vita e Calcolo ad alte prestazioni” e martedì 26 per “Agenda digitale e Industria sostenibile”. È già possibile, però, precompilare le domande di partecipazione: tutte le informazioni sono disponibili sulle pagine di approfondimento dei due bandi pubblicate sul sito del MISE.