fbpx

Il turismo italiano sente meno la crisi, grazie agli arrivi da Oltreoceano che hanno in parte ammortizzato il calo del mercato interno: è quanto emerge dall’analisi fatta da Giuseppe Roscioli, presidente di Federalberghi Roma e vice presidente di Federalberghi, a margine dell'inaugurazione dell'Albergatore Day nella Capitale.

“Anche il 2013 – ha poi dichiarato Roscioli – dovrebbe mantenersi su un trend di questo genere”. Per l’Albergatore Day si sono dati appuntamento i protagonisti del mondo dell'ospitalità alberghiera italiana al fine di affrontare i diversi temi fondanti del turismo moderno. “Si tratta di un momento di informazione della categoria su più fronti”, ha spiegato Roscioli, da quello delle innovazioni tecnologiche a quello delle novità normative, come la gestione dei rapporti di lavoro nelle aziende turistiche. L'evento ha evidenziato anche lo stato di salute del settore alberghiero capitolino. “Se Roma continua ad essere leader nel mondo nel turismo – secondo Antonio Gazzellone, consigliere delegato al Turismo di Roma Capitale – lo deve pure alla responsabilità del comparto alberghiero che sta riuscendo a mantenere la città competitiva anche dal punto di vista delle tariffe alberghiere. E i turisti ci premiano: manteniamo un più 5% di arrivi”. Tra le nuove sfide degli albergatori contemporanei il rapporto con le agenzie di viaggi online, ma anche la sostenibilità ambientale della propria offerta.