fbpx

È nata la “Carta dei servizi turistici e ambientali dei porticcioli liguri”. L'iniziativa, presentata ieri nella sede della Regione Liguria da Renata Briano e Angelo Berlangieri, gli assessori regionali all'Ambiente e al Turismo, è stata sottoscritta da un primo gruppo di porticcioli, comuni, parchi, Centri di educazione ambientale e da altri enti locali. La carta è frutto del progetto europeo Marittimo Turismo Porti Ambiente, nato dalla cooperazione della Liguria con la Provincia di Livorno, la Corsica e la Sardegna.

Fra gli scopi della Carta, come informa la Regione Liguria, vi sono la qualificazione dei servizi ambientali nei porticcioli e il miglioramento della gestione dei sistemi e della perfomance, in difesa dell'ambiente, in strutture che hanno un importante impatto sulla costa.

L’assessore all’Ambiente della Liguria, Renata Briano, spiega le motivazioni che hanno portato alla realizzazione del progetto: “I porticcioli devono essere luoghi dove poter costruire anche politiche ambientali, in collaborazione con i Comuni. Il protocollo prevede numerose attività, tutte con adesione volontaria, che vanno dalla raccolta dei rifiuti al risparmio energetico, all'animazione e all'educazione ambientale. La Regione lavora da tempo per limitare al massimo il consumo di costa, ma nei porticcioli esistenti dobbiamo lavorare per migliorarne la sostenibilità ambientale”.

Di rilievo è anche la valenza turistica della Carta, come afferma l'assessore al Turismo Angelo Berlangieri: “Si tratta di un nuovo modo di vedere i porticcioli non più come un parcheggio del mare, ma come un grande albergo, una porta da cui partire alla scoperta del territorio. Abbiamo creato per questo una serie di itinerari, con un raggio di circa un’ora di distanza, che potranno portare i diportisti alla scoperta del nostro entroterra”.

Prevista, a questo proposito, la creazione di itinerari agricoli, turistici, culturali da percorrere a piedi, in bicicletta, in auto, in taxi, in moto.

Tra gli enti e le istituzioni che hanno aderito all’intesa per sperimentare la Carta dei servizi il Comune di Finale Ligure, il Centro educazione ambientale della Provincia di Savona, il Comune e il porto di Loano, il Centro di educazione ambientale del Parco Alpi Liguri e quello del Comune di Imperia, Cala Cravieu (Porticciolo di Celle), il Consorzio Promotur, i Comuni di Celle Ligure e Albissola Marina, il Centro educazione ambientale Riviera del Beigua. A Levante fanno inoltre parte del gruppo il Comune di Santa Margherita Ligure e diversi gestori del porto,l’ Ente Parco di Portofino- Labter Portofino, i porti Mirabello, Porto Lotti, Comune e Assonautica della Spezia, Bocca di Magra, i Comuni di Sestri Levante, Lerici, Ameglia, Portovenere, il Centro ambientale Ente Parco Montemarcello Magra , il Comune di Sestri Levante- Labter Tigullio.

 

__________________________________________________________________

The "Chart of tourist services and environmental Ligurian ports" has been created in Liguria. The initiative was presented yesterday at the headquarters of the Region of Liguria by Renata Briano and Angelo Berlangieri, regional councilors of Environment and Tourism, and it was signed by a first group of ports, towns, parks, environmental education centers and other insitutions. The paper is an outcome of the European Maritime Ports Tourism Environment, the result of cooperation of Liguria with the Province of Livorno, with Corsica and Sardinia.