fbpx

La Repubblica

  • Quando nel giugno 2009, Gheddafi issò le sue tende a Villa Pamphili, intellettuali, studenti e associazioni si rivoltarono all'idea che venisse concessa un'accoglienza da nobel per la pace a un dittatore e che gli fosse permesso di occupare il suolo di una delle grandi ville storiche della Capitale per trasformarlo in accampamento delle proprie ambascerie.

Questo sito utilizza cookie tecnici che ci consentono di migliorare il servizio per l'utenza. Per ulteriori informazioni leggi la nostra Cookie e Privacy Policy. Leggi di più