cicloturismo sul Monviso

Un segmento dell'offerta turistica in grande ascesa, nel mondo e in Italia. Operatori e stakeholder sempre più attenti al cicloturismo e ai viaggi ecosostenibili

La bicicletta è un mezzo di trasporto romantico che grazie al suo fascino ha saputo resistere allo scorrere del tempo: pedalare ci fa sentire in sintonia con la natura, suscitando in noi sensazioni che difficilmente possono essere provate in altro modo.

Andare in bicicletta fa bene alla salute ed anche al turismo, infatti gli appassionati generano un indotto economico di 44 miliardi in tutta l’Europa, sviluppando un turismo lento e sostenibile, in armonia con i ritmi della natura. Viaggiare in bicicletta ha un impatto quasi nullo sui territori e permette di esplorare piccoli borghi, spesso sconosciuti ma ricchi di risorse naturali e culturali.

Secondo le indagini dell’ENIT, riportate nell'ultimo numero dell'Almanacco pubblicato dal CNR - Consiglio Nazionale della Ricerca, i viaggi in sella sono 2 milioni ed i pernottamenti ad essi legati sono 20 milioni. In Italia il fenomeno è destinato a crescere, è stato registrato infatti un incremento del 5% rispetto al 2014.

Questo modo di viaggiare è molto amato e i tour operator si stanno attrezzando per offrire ai turisti sempre maggiori servizi per rendere il viaggio il più confortevole possibile, curando per esempio il trasporto dei bagagli da un albergo all’altro per consentire ai cicloturisti di viaggiare in libertà. Il turismo lento è considerato strategico per lo sviluppo dei territori e infatti l’Agenzia del Demanio ha messo a bando la gestione di case cantoniere, stazioni ed antiche masserie abbandonate proprio per incentivare i viaggi ecocompatibili.

Il recupero di questi immobili fa parte del Piano Strategico del Turismo e del Piano Straordinario della Mobilità Turistica e consente ad imprese, associazioni e cooperative formate da persone sotto i 40 anni di riqualificare e prendere in gestione edifici abbandonati situati lungo le antiche vie di comunicazione e di pellegrinaggio e adibirle a percorsi ciclopedonali. Il progetto denominato Valore Paese - Cammini e Percorsi coinvolge tutti coloro che sono interessati al cicloturismo, infatti dal 9 maggio al 26 giugno sul sito agenziademanio.it sarà possibile inserire idee e suggerimenti per la realizzazione di bandi il più possibile adatti alla valorizzazione dei percorsi. Il provvedimento prevede la concessione di 100 immobili ogni anno ed ha lo scopo di rendere gli antichi percorsi fruibili grazie alla creazione di alloggi, punti ristoro, centri per attività ricreative, botteghe artigianali e tutto ciò che serve per rendere il viaggio dei ciclisti il più confortevole possibile. Il Mibact erogherà inoltre 3 milioni di euro per fornire tutoraggio a nuove imprese che prenderanno parte al progetto e le accompagnerà nei primi due anni di attività.