Dopo l'incoronazione del New York Times, anche la Cina riconosce lo straordinario potenziale turistico e culturale della Calabria, troppo spesso trascurato dai suoi abitanti

La rinascita di un territorio parte dalla consapevolezza del proprio valore, e spesso è necessario che questa presa di coscienza arrivi dall’esterno. È il caso della Calabria che negli ultimi mesi sta riscuotendo un grande successo, in particolar modo nei Paesi esteri, che sembra si siano accorti del suo straordinario potenziale.

A partire dall’articolo del New York Times che l’ha classificata al trentasettesimo posto tra le 52 mete imperdibili del 2017, unica destinazione italiana ad essere presente nello speciale elenco, a finire alla certificazione Welcome Chinese, un riconoscimento governativo di Pechino che consente l’ingresso nel mercato cinese del turismo e di beneficiare del sostegno della China Tourism Academy.

Un momento d’oro per la Calabria che mira al mercato turistico internazionale, consapevole dell’unicità delle sue risorse, tra mare e monti, cultura e gastronomia tipica che la rendono una destinazione appetibile per coloro che vogliono vivere una vacanza all’insegna dell’autenticità. Per la fine del mese di giugno, arriverà in Calabria una delegazione di tour operator e giornalisti cinesi con lo scopo di conoscere al meglio il territorio calabrese per poterlo proporre ai turisti orientali, sempre più attratti dalle bellezze naturalistiche della regione e dalla sua cucina mediterranea.

La gastronomia è un ulteriore motivo di orgoglio per la Calabria, considerata una delle migliori cucine a livello internazionale, in grado di emozionare il palato grazie ai sapori unici dei prodotti tipici, sapientemente miscelati da giovani chef che grazie alla loro creatività stanno portando il nome della cucina calabrese in giro per il mondo. Tutto ciò dimostra che la Calabria, nonostante sia un territorio ricco di risorse di ogni genere, non ha saputo credere nelle sue potenzialità finché dall’esterno non si sono accorti del suo grande valore. Questo entusiasmo, legato alla consapevolezza di essere una regione eccellente, porta i calabresi ad essere fieri della propria terra e si sa che il miglior marketing turistico è l’orgoglio e il senso di appartenenza al territorio.