fbpx

In vendita a poco più di mezzo milione di euro, il borgo abbandonato di Valle Piola, nel Gran Sasso (provincia di Teramo) potrebbe diventare un albergo diffuso. A patto di trovare un’acquirente, impresa non riuscita in passato

 

Sarà la volta buona? I proprietari di Valle Piola ci riprovano, provando a vendere il borgo medievale nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso. Prezzo: 550.000 euro. Canale di vendita: eBay.

Ci avevano provato già due anni fa, sempre sul canale di annunci più noto del mondo, ma senza successo. Due anni dopo, il prezzo non è cambiato per Valle Piola, frazione disabitata del Comune di Torricella Sicura in provincia di Teramo; si spera che cambi il risultato, ovvero che venga trovato un acquirente disposto a sborsare mezzo milione di euro per un borgo dal valore storico inestimabile: risale infatti all’XI secolo e al suo interno è possibile trovare reperti storici unici, come il gafio, il balcone di origine longobarda.

Disabitato dal 1977, il borgo di Valle Piola potrebbe diventare un importante occasione per crearvi un polo turistico, come spiegano gli stessi venditori nell’annuncio su eBay: “Una opportunità nel settore del turismo in uno scenario unico” è infatti la motivazione appuntata dai venditori. E non è neanche il primo borgo messo in vendita su eBay: basta una rapida ricerca su Google per trovare casi simili, come quello di Pratariccia, in provincia di Arezzo.

Il complesso di Valle Piola include 4400 mq di superficie calpestabile e 6 ettari di terreni agricoli. Dal prezzo di vendita dell’intero borgo è esclusa la chiesa di San Nicola, ma le superfici ripartite in 15 edifici da restaurare (tra cui un mulino ad acqua) sarebbero adatte alla soluzione dell’albergo diffuso. Tra l’altro una soluzione che in Abruzzo potrebbe trovare terreno fertile, considerata la recente decisione della giunta regionale di trasformare un centinaio di borghi abbandonati in poli turistici e alberghi diffusi. L’eventuale acquirente, insomma, potrebbe fare un autentico affare.

 

LEGGI ANCHE: L'Abruzzo punta sugli alberghi diffusi per far rinascere i borghi abbandonati