Le tre regioni sono al lavoro su turismo, formazione giovani, trasporto intermodale, politiche immigrazione e cooperazione transfrontaliera

Un finanziamento di oltre 6 milioni di euro complessivi, riconosciuto dal comitato direttivo del Programma di cooperazione transfrontaliera Interreg Italia – Austria, è stato assegnato al Gruppo europeo di cooperazione territoriale (Gect) Euregio Senza Confini, composto dalle Regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto (a cui compete la presidenza pro tempore) e dal Land Carinzia. Sarà suddiviso fra cinque progetti, EMOTIONWay, SCET-NET, FIT4CO, SMARTLOGI e EUMINT che promuovono rispettivamente l'intermodalità bici-bus e bici-treno per la promozione turistica, percorsi formativi condivisi per aumentare le possibilità occupazionali dei giovani, la cooperazione transfrontaliera delle amministrazioni pubbliche, il trasporto merci intermodale e una politica comune in materia di sfide legate ai fenomeni migratori.

I governatori delle tre regioni, Luca Zaia per il Veneto, Peter Kaiser per il Land Carinzia e Debora Serracchiani per il Friuli Venezia Giulia hanno espresso congiuntamente la loro soddisfazione per il risultato raggiunto che porta “un effettivo valore aggiunto alla cooperazione transfrontaliera tra Italia e Austria, a beneficio di cittadini, attività economiche, crescita dei rispettivi territori".

EMOTIONWay punta al miglioramento dei collegamenti transfrontalieri, favorendo nel contempo l'accessibilità ad alcuni siti di interesse naturalistico e culturale per mezzo di una sinergia tra servizi ferroviari e autobus in chiave turistica, attrezzati per il trasporto di biciclette. Di particolare importanza gli interventi previsti a seguito della riapertura della ferrovia Sacile-Gemona e dell'avvio, proprio nel 2018, di servizi in chiave turistica su tale linea e l'ulteriore potenziamento del servizio transfrontaliero MICOTRA, collegando la ciclabile Monaco-Venezia alla Ciclovia Alpe Adria Radweg (Caar).

SCET-NET propone una sperimentazione su percorsi formativi per studenti e apprendisti dai 16 anni in avanti e prevede una campagna di promozione verso scuole, studenti/giovani, imprese e la realizzazione di una piattaforma virtuale bilingue, base per la sottoscrizione di accordi istituzionali.

Il terzo progetto, FIT4CO, coinvolge i Gect "Euregio Senza Confini" ed "Europaregion" (Tirolo, Bolzano, Trento) ed è il primo caso di collaborazione istituzionale tra tali organismi in Italia e tra i pochi in Europa. Coinvolgerà le amministrazioni pubbliche presso le quali verrà svolta formazione linguistica e propedeutica a predisporre progetti da presentare su futuri bandi dei Programmi a gestione diretta UE.

Il progetto SMARTLOGI mira invece a potenziare la cooperazione in materia di opzioni sostenibili di trasporto merci intermodale. L'attuazione avverrà attraverso un piano d'azione transnazionale, valutato attraverso studi di fattibilità e testato da azioni pilota congiunte.

EUMINT si pone infine l'obiettivo di rafforzare la cooperazione istituzionale transfrontaliera in Friuli Venezia Giulia, nelle Province di Bolzano e di Trento e nei Land Tirolo e Carinzia, per affrontare in un’ottica comune le sfide di carattere sociale, economico, politico e culturale legate ai fenomeni migratori.